Andora, il sindaco Floris sollecita il governatore Burlando: "Subito i soldi per il raddoppio ferroviario" - IVG.it
Politica

Andora, il sindaco Floris sollecita il governatore Burlando: “Subito i soldi per il raddoppio ferroviario”

Raddoppio ferroriario

Andora. Il sindaco andorese Franco Floris pungola la Regione sulla copertura finanziaria per il raddoppio ferroviario. “Qui è in ballo il futuro economico di un territorio. Basta con gli annunci a cui non seguono fatti concreti. Il presidente Burlando, la Regione Liguria, le Province di Savona ed Imperia devono assumere un impegno forte affinché siano realizzate le importanti infrastrutture utili non solo al Ponente savonese, ma a tutta la Liguria: è necessario terminare velocemente il tratto di raddoppio ferroviario fra San Lorenzo al Mare e Andora, ma anche progettare e finanziare il raddoppio fra Andora e Finale ligure, senza il quale la linea ferroviaria Genova-Ventimiglia è incompleta” spiega Floris.

Il completamento del raddoppio comporterebbe uno spostamento del trasporto gommato commerciale che, dalla Spagna, dal Portogallo e dalla Francia va verso il nord Italia e nord Europa. “Una linea ferroviaria veloce e sicura invoglierebbe nuovi flussi turistici di chi non vuole spostarsi in auto ed alleggerirebbe anche l’autostrada, costantemente intasata nel corso dell’estate” sottolinea il sindaco andorese.

Per il sindaco Franco Floris, Andora in particolare non può più attendere. Il raddoppio ferroviario deve essere concluso. “Ogni giorno che passa è un danno aggravato al nostro territorio – afferma – Andora si è sempre fatta parte diligente assolvendo i suoi compiti e con contributi fattivi affinché l’Italfer potesse finire le opere di raddoppio. Vogliamo che ci sia un impegno e fissata la data del termine dell’opera. Burlando deve farsi parte attiva verso il Governo per trovare finanziamenti e co-finanziare il raddoppio. Se la situazione perdurerà in questo stato, si metterà una forte ipoteca sul futuro economico del Ponente: questa non è una parte della Liguria dove si passa, è una zona dove si deve venire. I flussi turistici possono essere invogliati solo grazie ad un trasporto ferroviario veloce e sicuro”.

Il sindaco andorese punta l’attenzione anche sull’Aurelia bis nel tratto fra Andora–Alassio, per fare dell’antica via Aurelia una strada esclusivamente turistica.

“Siamo in attesa di conoscere tempi e modi con cui verrà realizzata quest’opera – dice Floris – Ad Alassio, l’Aurelia Bis, termina in via Diaz: praticamente al centro della cittadina, creando problemi di viabilità. Da anni ormai sentiamo, inoltre, parlare della Bretella da Albenga verso il Piemonte ed anche in questo caso tempi e modi non sono noti. Richiamiamo l’impegno della Regione e delle Province di Imperia e Savona su questi temi perché ci pare che ultimamente l’attenzione sia rivolta a ben altro. Parliamo di impegni presi a cui si deve dare assolutamente risposta e non parole di circostanza”.

“Passano gli anni e nulla di concreto si vede. Questa parte di Liguria non può essere trascurata ed abbandonata” conclude Floris.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.