Spotorno, tuffo nella storia: ricordando le vittime del Transylvania

Spotorno. In occasione dell’anniversario dell’affondamento del Transylvania, a Spotorno si svolgerà un pomeriggio in ricordo delle vittime, di rievocazione storica e di narrazione del ritrovamento, effettuato con l’intervento dei carabinieri subacquei, con filmati inediti.

L’appuntamento, organizzato dall’associazione “Il laboratorio del golfo” con il Comune e l’avvocato finalese Luca Battaglieri, è per venerdì 4 maggio, alle ore 17, nella Sala Palace di Spotorno. Alle 16 sarà deposta una corona d’alloro presso il piccolo monumento nei Giardini degli Inglesi.

L’associazione si è fatta promotrice presso le autorità per far installare un nuovo monumento come quello rimosso nel 1936 dal regime fascista e presente nelle documentazioni storiche dell’epoca.

Il Transylvania affondò il 4 maggio del 1917, a circa 3 miglia dall’isola di Bergeggi, nel Mar Ligure. Era un lussuoso piroscafo inglese di 15 mila tonnellate, che la Gran Bretagna decise di utilizzare per il trasporto truppe. Stava trasportando ad Alessandria d’Egitto 200 ufficiali, 2.860 soldati e 60 crocerossine quando, nonostante la scorta di due caccia torpedinieri giapponesi (alleati della Gran Bretagna), fu colpito e affondato dai siluri lanciato da un sommergibile tedesco.

Dove il relitto fosse andato a posarsi è rimasto un mistero per oltre 90 anni. Racconti di pescatori tramandati oralmente indicavano il punto dell’affondamento in modo approssimativo. Ricerche erano già state condotte in passato. Senza esito. Sono stati i carabinieri subacquei di Genova a trovarlo. Da un lato facendo tesoro delle testimonianze orali, in particolare quella dell’allora parroco di Bergeggi, raccolte in un libro di Renzo Ajolfi dedicato appunto all”Affondamento del Transylvania”. Dall’altro utilizzando il robot Pluto Palla della Gay Marine dell’ingegner Guido Gay, che lo ha brevettato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.