Politica

Pdl, il segretario Alfano: “Stop alle tasse, ora le misure per la crescita”

alfano

Liguria. Folta delegazione savonese del Pdl questo pomeriggio a Genova per l’atteso comizio del segretario nazionale Angelino Alfano in Liguria per le prossime elezioni amministrative e per sostenere la candidatura di Pier Luigi Vinai a sindaco della città capoluogo di regione. “La prima misura per sostenere la crescita è quella di non aumentare più le tasse” ha detto Alfano, critico anche a proposito della cosiddetta “Imu bis”: “L”Imu bis – ha spiegato l’ex ministro della Giustizia – è un’imposta che è facoltà dei sindaci applicare e noi faremo un invito formale a tutti i sindaci del Popolo della Libertà a non applicarla perché la riteniamo un’ulteriore vessazione sulla casa e siccome è una facoltà dei sindaci chiederemo ai nostri candidati e ai nostri sindaci di non farne uso”.

Tra le iniziative per sostenere la ripresa c’è quella di “procedere rapidamente nel pagamento dei debiti che lo Stato ha nei confronti delle imprese private; inoltre procederemo a un piano per abbattere il debito pubblico che possa consentire di liberare risorse, cioè di trovare soldi per consentire la crescita” ha spiegato Alfano.

Alfano si è complimentato con Montezemolo per il treno Italo e, alla domande se vorrebbe Montezemolo tra le fila del Pdl, ha risposto: “Non abbiamo aperture o chiusure specifiche per nessuno; di certo, chiunque contribuisce a rafforzare il campo moderato è il benvenuto, ma non facciamo appelli a nessuno”.

E il segretario del Pdl interviene sul tema più importante del momento, quello sul finanziamento pubblico ai partiti: “Oggi abbiamo annunciato una scelta importante che illustreremo nel dettaglio dopo le amministrative. Il Pdl dice no al finanziamento pubblico ai partiti: vivremo solo con il contributo volontario di chi vorrà finanziare e dare una mano alla forza politica che rappresenta questa idea di Italia.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.