Nuovo piano parcheggi a Savona, "Comitato Ottocento": "Troppe strisce blu e pochi stalli gialli per residenti" - IVG.it
Cronaca

Nuovo piano parcheggi a Savona, “Comitato Ottocento”: “Troppe strisce blu e pochi stalli gialli per residenti”

incrocio corso mazzini

Savona. Il nuovo piano parcheggi in vigore nella città della Torretta non va: ne sono convinti i rappresentanti del comitato di quartiere “Savona Ottocento” che offrono una analisi della situazione in qualità di cittadini su quattro ruote.

“A distanza di due settimane dall’avvio del nuovo piano parcheggi del centro città, si possono notare alcuni effetti negativi rispetto agli obiettivi che intende perseguire il piano stesso – sostiene il portavoce, Enrico Albertazzi – Mentre può avere una sua validità la ripartizione adottata (287 stalli blu a pagamento pari al 35%, 533 stalli gialli riservati ai residenti pari al 65%), non risponde a criteri di razionalità la distribuzione che é stata applicata”.

“Considerando due delle vie maggiormente interessate dal piano (Montenotte e Guidobono), le proporzioni di cui sopra sono del tutto ribaltate a favore dei parcometri che, dopo le modifiche apportate, sono stati elevati a 142 (69%), mentre gli stalli gialli sono stati portati a 65 (31%). Questa riduzione degli stalli a disposizione dei residenti costringe gli stessi a girovagare in lungo e in largo in zona alla ricerca spesso vana di un parcheggio, intasando il traffico e inquinando. E chi si avvantaggia da questa situazione? Nessuno, perché gli stalli blu restano ampiamente sottoutilizzati” sottolinea Albertazzi.

“Ovvio che non si possono ancora trarre indicazioni utili dopo una sperimentazione così breve, ma già trovano conferma i dubbi sulla distribuzione adottata espressi a suo tempo dal comitato ‘SavonaOttocento’. Comitato sorto per moto spontaneo dei cittadini del quartiere (sono centinaia e centinaia le firme raccolte), che intende continuare ad esercitare il proprio ruolo rapportandosi sia con l’amministrazione a cui va l’apprezzamento per aver sempre accettato un sereno e democratico confronto, sia con Comitati di quartiere sorti di recente, ma di diversa estrazione”, conclude il portavoce.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.