Len Euro Cup, Rizzo e Pisano concordano: "Al ritorno loro riavranno Perez, sarà dura" - IVG.it
Sport

Len Euro Cup, Rizzo e Pisano concordano: “Al ritorno loro riavranno Perez, sarà dura”

Savona. La metà delle reti segnate dalla Carisa nella partita appena vinta sul Sabadell portano la sua firma, ma Valerio Rizzo glissa sulla sua prestazione e pone l’accento sulla prova di squadra: “E’ stata una Rari concentrata, una Rari che arrivava all’ennesima finale di coppa dopo una stagione fino ad ora molto positiva. Ora resta da fare l’ultimo gradino e per fortuna siamo riusciti a costruire un buon margine di vantaggio. Come sempre però nei casi di queste partite doppie, non si può pensare di aver già chiuso i conti, soprattutto con il ritorno nella loro vasca, molto calda”.

Il risultato soddisfa il giocatore savonese che però, con onestà, rimarca la pesante assenza tra gli ospiti, quella di Perez. “Cinque reti di vantaggio sono una buona dote – afferma -. Meglio cinque che una, è una cosa scontata. Però questa sera il Sabadell era privo del suo giocatore di punta, Perez, un centroboa che ancora adesso a 41 anni gioca alla grande. Soprattutto con lui in acqua hanno un modo di giocare molto fastidioso. Il ritorno sarà tutta un’altra partita”.

Riguardo al calo all’inizio dell’ultima frazione, quando i catalani hanno infilato un parziale di 3 a 0, Rizzo la vede così: “Abbiamo continuato a nuotare avanti e indietro, come prevede il nostro gioco, e cercare di ripartire, ma eravamo molto stanchi perché loro sono una squadra che si fa sentire fisicamente. Loro si sono ripresi, hanno azzeccato qualche goal a uomo in più”.

L’allenatore Andrea Pisano è sulla stessa lunghezza d’onda: contento per la prova, ma consapevole del vantaggio avuto grazie all’assenza dell’uomo di punta dei rivali. “Era una partita già difficile in partenza – dichiara -. A loro, all’ultimo momento, è mancato il centroboa titolare. Noi avevamo preparato praticamente due tipologie di partita: con e senza Perez. La sua assenza ha portato molte variabili nel loro gioco. Portavano dentro un po’ tutti quanti e hanno potuto giocare molto di più sul nuoto. I miei giocatori sono stati molto bravi a frenare tutte le situazioni che creavano loro e a portarsi in attacco con veemenza. Dispiace per l’ultimo goal, perché le sei reti di scarto ci sono state quasi per tutta la partita e sappiamo perfettamente che un goal in più è oro che cola”.

Nell’ottica del doppio confronto, Pisano mostra prudenza: “E’ completamente aperta – dice -. Abbiamo visto in semifinale con il Posillipo, dopo che all’andata avevamo vinto di quattro reti. In Spagna ci sarà un tifo bestiale, loro avranno di nuovo Perez. Sarà una fatica fisica e mentale”.

Alla Zanelli è mancato il tutto esaurito, ma l’allenatore savonese non critica gli assenti, bensì loda i presenti: “Ovviamente se ci sono delle partite di calcio di cartellone, posso anche capire che la gente faccia delle scelte. Però, da bordo vasca, l’impressione era che tutti quelli che c’erano tifassero a gran voce, era come se la piscina fosse piena”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.