Beni archeologici, il soprintendente: "Abusivismo edilizio sempre in agguato, tra zone a rischio la via Julia Augusta" - IVG.it

Beni archeologici, il soprintendente: “Abusivismo edilizio sempre in agguato, tra zone a rischio la via Julia Augusta”

Savona. Un patrimonio archeologico in buona salute, che offre nuove scoperte, ma poco conosciuto. Bruno Massabò e Maurizio Galletti, rispettivamente soprintendente dei Beni Archeologici e direttore dei Beni Culturali della Liguria, oggi alla presentazione della mostra “Archeologia dal Cielo”, sottolineano l’importanza delle risorse storiche savonesi.

Il rischio dell’abusivismo edilizio è sempre in agguato. “Soprattutto – sottolinea Massabò – nello zone più appetibili, in particolare tra Alassio e Albenga attraversate dalla via Julia Augusta. L’azione di controllo dall’alto con la visione aerea permette di individuare facilmente e con precisione i manufatti irregolari. Siamo sempre attenti perché il pericolo di operazioni abusive c’è sempre”.

La mostra, organizzata dalla Provincia di Savona, in programma sino al 19 aprile a Palazzo Nervi, illustra al pubblico una selezione delle riprese aeree eseguite durante i voli di ricognizione effettuati dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Genova con il 15° Nucleo Elicotteri dei Carabinieri di Villanova d’Albenga sul territorio regionale, con particolare riferimento ai beni archeologici e monumentali del savonese.

“Sono immagini che vengono scattate per azione di controllo dal Nucleo Tutela dell’Arma, per ricognizione degli abusi edilizi in aree sottoposte a vincolo archeologico. Ma in questa occasione godiamo dell’aspetto più piacevole con la visione dei siti archeologici nella loro ambientazione – osserva il soprintendente – Siamo ormai abituati alla visione dall’alto, anche grazie alla tecnologia e a Google in particolare. Queste sono riprese mirate e concentrate sul patrimonio archeologico, quindi rappresentano uno straordinario strumento di divulgazione. E’ possibile vedere dall’alto i monumenti con peculiarità che da terra non si possono apprezzare”.

L’architetto Maurizio Galletti aggiunge: “E’ una mostra che tende a far conoscere il territorio da un’angolatura diversa, esponendo centri storici, paesaggi e soprattutto preesistenze archeologiche con antichità romane e preromane, tutte da valorizzare con il coinvolgimento delle amministrazioni. Occorre creare una rete per valorizzare e attrarre i giovani. E’ un bene che questa mostra apra la Settimana della Cultura per accendere i riflettori sulle bellezze locali, a volte sconosciute”.

“I beni culturali nel Savonese stanno bene, ma necessitano di un aiuto in più – prosegue Galletti – Si pensi solo a titolo d’esempio a Villa Gavotti, pur privata, che versa in stato precario, oppure ai resti della Villa Romana presso la stazione di Albisola. C’è bisogno di creare una rete e di maggiore comunicazione per creare un circolo virtuoso: i monumenti diventerebbero più conosciuti e apprezzati”.

“Il patrimonio savonese sta bene – conferma il soprintendente Massabò – Si sono fatte nuove scoperte, quale la necropoli dell’Età del Ferro ad Albisola, che insieme a quella Albenga e quella Chiavari a levante rappresentano le uniche e più antiche testimonianze della protostoria ligure. Gli enti locali sono sempre mediamemente sensibili alla preservazione del patrimonio. Occorre coinvolgerli e sensibilizzarli”.

“Archeologia dal Cielo è una mostra importante – commenta l’assessore provinciale Carla Mattea – Ci consente di proporre a tutti, anche alle nuove generazioni, l’immenso patrimonio della provincia savonese. Abbiamo voluto anticipare l’inizo della Settimana della Cultura con questo evento: era giusto iniziare così per dare ai cittadini una conoscenza diretta del territorio. Da qui nasce il rispetto per il nostro passato”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.