Svincolo Albamare solo per mezzi di soccorso, Quaini: "Sarebbe errore, un casello lì serve a tutti" - IVG.it
Cronaca

Svincolo Albamare solo per mezzi di soccorso, Quaini: “Sarebbe errore, un casello lì serve a tutti”

Stefano Quaini

Savona. Il gruppo regionale IdV ha presentato ieri un’interrogazione (firmatari Quaini, Scialfa e Piredda) all’assessore alle infrastrutture per conoscere come la giunta intenda procedere in riferimento alla questione del casello Albamare.

“L’assessore Paita – spiega il consigliere regionale di Idv Stefano Quaini – dichiara di voler attivarsi per dare vita ad un’uscita ambulanze in sostituzione del casello ad Albamare, ma ritengo necessario puntualizzare alcuni aspetti. Il primo è che l’uscita per sole ambulanze oltre ad essere oltremodo costosa rischia di offrire una risposta assolutamente limitata: non ci sono solo i mezzi di servizio, pensiamo anche solo ai cronici o alle emergenze”.

“A questo si aggiunga anche il ridimensionamento delle strutture sanitarie in provincia e, quindi, della aumentata esigenza di mobilità sanitaria. Ma il problema è molto più generale: a Savona da est abbiamo una Aurelia bis che risolverà solo in minima parte le esigenze dei cittadini savonesi. Infatti, dei 37.000 veicoli che arrivano a Savona, l’80% sono diretti nell’area tra l’ospedale, il porto e la città vecchia, pertanto un’Aurelia bis che parte da Luceto e consente di uscire solo nella parte alta di corso Ricci è in grado di fornire, da sola, una risposta insufficiente. In questi termini il casello Albamare sarebbe assolutamente necessario per fornire tutte quelle risposte alle necessità di mobilità verso il centro di Savona che il PUMT 2010 ha chiaramente messo in luce” precisa Quaini.

“A questo proposito sarò presente al convegno sul tema dell’Aurelia Bis, organizzato dal comitato Casello di Albamare che si terrà venerdì sera ad Albisola, per partecipare attivamente al dibattito e presentare le nostre intenzioni in riferimento alla viabilità savonese. Sarà nostra cura – conclude Quaini – attivarci anche in consiglio comunale a Savona, con i mezzi a nostra disposizione, affinché si possa affrontare con la giusta chiarezza questa intricata questione in modo da garantire ai cittadini risposte concrete alle problematiche emerse”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.