Cronaca

Savona, aggressione a due poliziotti fuori dal Lidl: i tre romeni rimpatriati oggi

Polizia

Savona. Verranno rimpatriati oggi i tre cittadini rumeni responsabili dell’aggressione a due agenti della Squadra Volante, avvenuto mercoledì sera presso il supermercato Lidl di Savona.

I tre (Florin Capo, 32 anni, Andrei Capo, di 34, e Mircea Boka, di 26), dopo aver patteggiato una pena a otto mesi di reclusione con la sospensione condizionale ed essere tornati in libertà, sono stati infatti colpiti da un provvedimento di allontanamento emesso dal Questore di Savona e convalidato questa mattina dall’Autorità Giudiziaria, così come è previsto per i cittadini comunitari. E’ stato, quindi, eseguito immediatamente l’accompagnamento alla frontiera di Roma Fiumicino, attraverso la quale i tre faranno rientro nel loro paese.

I tre erano accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale: gli agenti sono intervenuti dopo aver ricevuto la segnalazione della presenza di un gruppo di persone che stava dando fastidio a clienti e dipendenti del supermercato. All’arrivo dei poliziotti gli imputati, anziché calmarsi, si sono scagliati contro di loro con grande violenza.

Per riuscire a calmare gli animi è stato necessario l’intervento di altri colleghi della Questura, di una pattuglia del nucleo operativo dei carabinieri e di una della guardia di finanza. Agenti e militari hanno così bloccato i romeni (due dei quali erano già stati arrestati nei mesi scorsi, uno perché si prostituiva nei bagni dell’Ipercoop) che sono finiti in manette.

I due poliziotti aggrediti, medicati al San Paolo, hanno rimediato diverse contusioni. Ieri i tre romeni in aula hanno però negato di aver colpito gli agenti: “Non abbiamo alzato le mani, nessuno di noi ha spinto la polizia” hanno raccontato i due fratelli Capo. Uno degli imputati ha solo ammesso di aver cercato di divincolarsi quando un agente stava cercando di mettergli le manette. Dichiarazioni che però non sono servite ad evitargli una condanna.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.