Pattino "a vela" finito contro gli scogli del Malpasso: sommozzatori alla ricerca del romeno disperso - IVG.it
Cronaca

Pattino “a vela” finito contro gli scogli del Malpasso: sommozzatori alla ricerca del romeno disperso

Una scarpa che galleggia nei pressi del pattino ritrovato questa mattina sugli scogli del Malpasso, all’altezza di Varigotti. E poi i sommozzatori della Guardia Costiera che si sono immersi proprio nelle acque antistanti il tratto di costa in cui è stato ritrovato lo strano natante, caratterizzato da un lenzuolo issato a mo’ di vela.

E’ qui che si cerca il romeno di 45 anni che, da Alassio, ha raggiunto questo tratto di mare per poi non dare più notizie di sé. A “parlare” di lui c’è solo un bagaglio, pieno di indumenti e effetti personali, che l’uomo ha portato con sé nel suo strano viaggio in mare.

I sommozzatori sono arrivati a Varigotti intorno alle 17 e si sono uniti alle ricerche intraprese a partire dalle 9,30 di questa mattina da tre mezzi delle Capitanerie di Porto di Savona, Loano e Alassio, dall’elicottero dei carabinieri di Villanova d’Albenga e dalle pattuglie dell’Arma che stanno perlustrando le strade della Riviera. E’ intorno a quell’ora che il pattino “a vela” è stato notato da alcuni ciclisti che “pedalavano” in zona, mentre un pescatore racconta di aver visto quella strana imbarcazione passare per la spiaggia del Castelletto (tra Finale Ligure e Noli), dirigersi verso levante per poi non tornare più indietro (erano le 14,30 di ieri).

Le ricerche dei sommozzatori iniziano dal tratto di mare nei pressi del Malpasso, ma non si esclude che l’uomo sia potuto cadere dal proprio mezzo di fortuna più a ponente. “Stiamo battendo palmo a palmo il tratto di mare ‘interessato’: il problema è che comincia a fare buio. Nelle prossime ore vedremo il da farsi”, riferisce il Comandante della Capitaneria di Porto di Savona, Giulio Giraud.

Pare che il 45enne sia stato fermato un paio di giorni fa ad Alassio per un controllo: gli uomini della Capitaneria gli avrebbero raccomandato di non allontanarsi dal porto, soprattutto nelle ore notturne. Consiglio che è rimasto purtroppo inascoltato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.