Cinque Terre, Burlando regala trofie al pesto a presidente Napolitano e ministro Clini: "Il nostro basilico non è transgenico" - IVG.it
Politica

Cinque Terre, Burlando regala trofie al pesto a presidente Napolitano e ministro Clini: “Il nostro basilico non è transgenico”

basilico

Vernazza. “Dalla visita che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sta effettuando oggi nelle Cinque Terre, auspichiamo risultati concreti che possano aiutare rapidamente quella bellissima parte d’Italia, colpita mesi or sono da eventi naturali di straordinaria violenza, a far ripartire l’economia turistica”: ad auspicarlo è il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. “I nostri territori più fragili, di cui la bell’Italia è colma, hanno bisogno di programmazione e manutenzione continua – prosegue Bocca – volta a garantire quella tenuta ad eventi meteorologici che pur nella loro imprevedibilità non possono arrivare a destabilizzare l’orografia dell’area ed a rivoluzionare l’assetto sociale degli abitanti e di chi li sceglie per trascorrere periodi di svago e vacanza”.

“Dopo aver dunque evidenziato alcuni giorni or sono tali problematiche al ministro del Turismo, Piero Gnudi – conclude Bocca- rinnoviamo l’invito al presidente Napolitano, certi che egli non vorrà far mancare il proprio contributo alle popolazioni ed alle imprese interessate”.

Il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, in occasione della visita del Capo dello Stato a Vernazza, ha regalato due confezioni di trofie al pesto per Giorgio Napolitano e per il ministro dell’ambiente Corrado Clini. Con questo gesto ha voluto ribadire, soprattutto al ministro Clini, che il basilico ligure non è transgenico. Nei giorni scorsi il ministro Clini aveva dichiarato che diversi prodotti tipici italiani, tra cui il basilico ligure, sono ottenuti con interventi di transgenesi. Ne era seguita una polemica molto accesa da parte dei produttori di basilico.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.