Scavi archeologici nell’antica cattedrale del Priamar: nuove indicazioni sulle fasi medioevali

savona

Savona. Sono stati presentati oggi i risultati delle ricerche della campagna di scavo archeologico 2011 nell’area dell’antica Cattedrale di Santa Maria sul Priamàr.

L’analisi archeologica condotta nell’area della Cittadella, nella zona a sud del Casa dei Colonnelli ha fornito preziosi elementi per la ricostruzione delle fasi che vanno dalla demolizione degli ambienti esterni alla Cattedrale di Santa Maria (area del chiostro) fino all’età contemporanea. Gli elementi acquisiti per la definizione degli interventi di demolizione delle strutture medievali e costruzione della fortezza e degli ambienti residenziali della Cittadella sono complementari a quelli desunti dalle fonti scritte, consentono di elaborare valide ipotesi ricostruttive della planimetria e delle fasi di vita del complesso tra XVI secolo e XX secolo. La prosecuzione dello scavo avrà il compito di delineare la sequenza cronologica e l’assetto planimetrico delle fasi di vita medievali ( e probabilmente precedenti) del complesso episcopale.

Le nuove ricerche nell’area dell’antica Cattedrale sono state condotte dall’Istituto Internazionale di Studi Liguri, su autorizzazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e con la direzione di Rita Lavagna e Carlo Varaldo; realizzate in stretta sinergia con la Soprintendenza Archeologica della Liguria e hanno fruito della collaborazione del Comune di Savona-Assessorato alla Cultura e del contributo della Fondazione “A.De Mari”, con il costante supporto del Civico Museo Archeologico di Savona. E’ da sottolineare come tali ricerche, così come tutte quelle condotte in questi anni nel complesso del Priamàr, si siano configurate come cantieri didattici per gli studenti dell’Ateneo genovese, nell’ambito dei programmi della Cattedra di Archeologia Medievale e dell’ Insegnamento di Archeologia del Mediterraneo Medievale.

La campagna di scavo 2011 si è svolta in tre distinti periodi, coinvolgendo in una prima fase (aprile 2011) gli allievi del Master in Tecniche dello scavo archeologico organizzato dall’Ente Scuola Edile della Provincia di Savona e in due successive fasi (luglio 2011 e settembre-novembre 2011) gli studenti dei corsi di Archeologia medievale e Archeologia del Mediterraneo medievale dell’Università degli Studi di Genova, coordinati sul campo dal personale del Civico Museo Storico Archeologico del Priamàr.

Lo scavo 2011 si è concluso lasciando in situ questa situazione, opportunamente conservata e coperta, in attesa della ripresa delle indagini progettata per il 2012. La prosecuzione dello scavo consentirà la rimozione dei potenti strati di crollo e una migliore comprensione degli ambienti, della loro articolazione, della loro funzione, in relazione alla struttura della cattedrale.

leggi anche
Savona, gli scavi archeologici al Priamar rivelano nuove importanti scoperte
Impariamo dal passato
Savona, il Priamar non finisce di stupire: scoperti un capitello e la base di una colonna dell’antica cattedrale

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.