Savona Calcio: il gruppo Barbano-Dellepiane si tira indietro, asta libera per l'acquisto della società - IVG.it
Sport

Savona Calcio: il gruppo Barbano-Dellepiane si tira indietro, asta libera per l’acquisto della società

marchese savona calcio

Savona Calcio. E’ andata a vuoto l’asta pubblica per l’acquisto del Savona Calcio. Domani nessuna apertura delle buste contenenti le offerte per rilevare la società biancoblù: il principale pretendente per entrare nella nuova gestione societaria, il gruppo Barbano-Dellepiane, si è infatti tirato fuori dalla corsa, giudicando troppo oneroso l’impegno finanziario previsto dal bando, una operazione con poche garanzie e troppe incertezze, insomma, per il sodalizio chiamato in causa per risollevare le sorti del team biancoblù.

Le buste (contenenti il 10% dell’importo offerto) dovevano essere depositate entro oggi, data in cui scadeva il termine per farle pervenire al curatore, ma sembra, secondo indiscrezioni, che non c’era la proposta del gruppo imprenditoriale savonese.

A questo punto il curatore fallimentare Alberto Marchese ed il giudice Rosario Ammendolia hanno optato per la scelta di un nuovo bando di acquisto per la società calcistica savonese, che dovrebbe essere pubblicato sul sito del Savona Calcio. La formula prevede la convocazione in Tribunale a Savona degli interessati con asta libera a partire da 20 mila euro, cifra minima fissata per la gara d’acquisto. Quella di mercoledì, con inizio alle ore 9:00, sarà davvero l’ultima strada percorribile per evitare, con la scadenza dell’esercizio provvisorio al 29 febbraio, il definitivo fallimento del Savona Calcio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.