Maltempo, Fs: chiusura preventiva di alcune linee locali

treni, ritardi, stazione

Liguria. La Liguria ed il savonese non sono direttamente toccati dal piano delle Ferrovie dello Stato in vista dell’ondata di maltempo attesa per la giornata di domani, venerdì 10 febbraio, tuttavia Fs ha disposto la chiusura preventica di alcune linee locali.

“In relazione al previsto aggravarsi delle condizioni meteo e secondo quanto indicato dal Comitato operativo del Dipartimento della Protezione Civile nella riunione di ieri” – rendono noto che per domani saranno chiuse “preventivamente” le linee ferroviarie a carattere locale “già andate in sofferenza”. Questo il quadro delle chiusure preventive, suddiviso per le regioni interessate:

– PIEMONTE: Linee Cuneo-Mondovì; Cuneo-Savigliano e Ceva-Ormea. – VENETO: linea Isola della Scala-Legnago-Rovigo. – FRIULI VENEZIA GIULIA: linee Portogruaro-Casarsa del Friuli e Sacile-Gemona. – UMBRIA: linea Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona – MARCHE: linee Civitanova Marche-Albacina; Ascoli-Porto d’Ascoli; Fabriano-Pergola – LAZIO: linee Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona; Tivoli-Avezzano-Sulmona; Roccasecca-Avezzano; Ciampino-Cassino; Cesano-Viterbo-Attigliano – ABRUZZO: linee Sulmona-L’Aquila-Rieti-Terni; Giulianova-Teramo; Sulmona-Avezzano-Tivoli; Avezzano-Roccasecca. – MOLISE: linea Termoli-Venafro. – CAMPANIA: linee Battipaglia-Potenza; Boscoredole-Benevento-Avellino-Mercato San Severino-Salerno; Mercato San Severino-Salerno-Sarno; Mercato San Severino-Salerno-Nocera Inferiore – PUGLIA: linee Cervaro-Potenza; Barletta-Spinazzola; Rocchetta-Gioia del Colle – BASILICATA: linea Potenza-Cervaro – CALABRIA: linea Sibari-Cosenza Le linee principali e le restanti linee secondarie della rete ferroviaria italiana, aggiungono le Fs, saranno operative con i programmi di circolazione previsti dal Piano Neve.

In particolare, i Piani Neve sono stati ridefiniti in funzione delle nuove previsioni meteorologiche comunicate dal Dipartimento della protezione civile “in termini di riduzione dei treni; riduzione programmata della velocità; dislocazione dei mezzi di soccorso (elettrici e diesel); dislocazione dei mezzi attrezzati con raschiaghiaccio e vomere; dislocazione del personale; desk informativi nelle stazioni”. Inoltre, nelle stazioni che registrano grande affluenza di viaggiatori saranno potenziati i servizi di assistenza alla clientela, sono stati disposti punti di ristoro e l’apertura continuativa dei bar di stazione.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.