Liberalizzazioni: avvocati in sciopero il 23 e il 24 febbraio: "La difesa non è una merce che si contratta e si vende" - IVG.it

Liberalizzazioni: avvocati in sciopero il 23 e il 24 febbraio: “La difesa non è una merce che si contratta e si vende”

Savona. Anche gli avvocati scendono in campo. La categoria ha infatti proclamato due giorni di astensione dalle udienze, il 23 e il 24 febbraio contro quelle che chiamano “le liberalizzazioni selvagge” del governo, e un’altra settimana di astensione dal lavoro all’inizio di marzo.

Queste le parole che compaiono sui volantini dell’Unione Camere Penali affissi nelle città:”La difesa non è una merce. La merce si espone, si contratta, si compra e si vende. La merce appartiene ad un padrone. Un avvocato che risponde ad un padrone non è un avvocato. La società tra professionisti con capitale esterno riduce l’attività difensiva ad un prodotto da banco e pregiudica l’indipendenza dell’avvocato. Un avvocato deve rispondere soltanto al suo assistito ed alla propria coscienza. Un avvocato si forma sul campo, nelle aule e negli studi professionali, laddove impara a battersi in difesa dei diritti. La specializzazione dell’avvocato è indice di qualità e segno di trasparenza. Un avvocato libero, indipendente e competente garantisce la libertà di tutti”.

Secondo quanto appreso allo sciopero dovrebbero aderire anche gli avvocati di Savona e provincia.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.