IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ambulanti in corteo contro la Bolkestein: tentano di bruciare la bandiera Ue foto

Regione. Protesta sonora e anche vilipendio alla bandiera Ue per constestare la direttiva Bolkenstein sulla messa a gara dei diritti di occupazione del suolo pubblico e limiti alle concessioni delle spiagge. Gli ambulanti stamani hanno sfilato in centro a Genova, da piazza della Vittoria alla Prefettura, insieme ad una cinquantina di furgoni.

Alcuni esponenti del serpentone tra fischi e slogan, una volta giunti in piazza De Ferrari, hanno tentato di incendiare la bandiera dell’Unione Europea per dimostrare tutto il proprio disappunto nei confronti della direttiva imposta dall’Ue. La bandiera, però, non ha preso fuoco e, gettata a terra, è stata calpestata.

“Sono il più vecchio della categoria genovese – ha dichiarato un ambulante – ho 72 anni e ora mi vogliono mandare a rubare”.

Gli ambulanti gridano un forte no alla possibilità di concedere le autorizzazioni commerciali alle società di capitali e alle cooperative, con il conseguente rischio che i mercati rionali finiscano sotto la gestione di privati, o di gruppi di vendita organizzati. Hanno acquistato le concessioni, presumendone il rinnovo automatico, e ora rischiano di veder svanire l’investimento.

“Protestiamo contro le liberalizzazioni e le privatizzazioni del Governo Monti, perché ora abbiamo concessioni decennali che si rinnova automaticamente, ma dalla fine del 2015 ogni anno andranno a bando e quindi non avremo più certezze – spiega Giuseppe Occhiuto, presidente Aval Genova – potranno entrare le società di capitali e le grandi cooperative. Già la crisi ci ha messo in ginocchio e questo ci farà finire definitivamente in mezzo alla strada”.

A Genova gli ambulanti sono 800, in Liguria 3800 e in Italia 170 mila. In caso di mancate risposte da parte del governo, hanno già annunciato una protesta nazionale più partecipata e forte di quella odierna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. .
    Scritto da mr.ivo

    Ma per favore… Il vecchio di 72 anni che si preoccupa che ora deve andarea lavorare! Ma come mai non è andato in pensione come la maggior parte delle persone? Ha lavorato? Se si avrà dei contributi e allora li usi! Altrimenti dimostrerebbe la bella vita che ha sempre fatto! Inoltre calpestare la bandiera europea vuol dire non avere rispetto non solo per gli altri paesi che hanno e continuano a portare soldi al nostro settore turistico, ma anche alla nostra bandiera. Dobbiamo guardare lontano e pensare ad una evoluzione della società e spero anche della specie umana visto che dobbiamo convivere con una minoranza che si crede padrona delle spiagge e del mare. I vostri investimenti li avete fatti in previsione di guadagni, ora basta Sciuscià e sciurbì nu se peu!!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.