Tragedia di Nikolajewka, il Gruppo Alpini Albenga ricorda la tragica battaglia del 1943

alpini, alpino

Albenga. A 69 anni dagli avvenimenti storici, gli Alpini di Albenga si ritrovano per commemorare la tragedia di Nikolajewka. Domenica 29 Gennaio, il Gruppo Alpini di Albenga, con la collaborazione e il patrocinio del Comune di Albenga, celebreranno la cerimonia in memoria della tragica battaglia di Nikolajewka, avvenuta nel Gennaio 1943 in terra di Russia, uno degli scontri più importanti durante il ripiegamento delle forze dell’Asse sul fronte orientale nella Seconda Guerra Mondiale.

La cerimonia prenderà il via dal Lungocenta Croce Bianca, dove inizieranno a radunarsi i gruppi degli Alpini convenuti da diverse parti della provincia e della Regione per l’appuntamento della “Colazione dell’Alpino” delle 9, quindi alle 10.20 il corteo degli Alpini e dei partecipanti partirà alla volta del Monumento all’Alpino sito in Piazza XX Settembre, nella quale, alle 10.50 circa vi saranno Alzabandiera e Onore ai Caduti, seguite dall’Orazione Ufficiale. Verso le 11.10 è previsto il corteo verso la Chiesa del Sacro Cuore, dove Don Luigi Lauro officerà la Santa Messa presso il Sacrario dei Caduti. Sarà presente il sindaco di Albenga Rosy Guarnieri.

Il Centro Pannunzio ha espresso la sua adesione al Raduno alpino di Albenga in ricordo della cruenta e tragica battaglia di Nikolsjewka in cui gli alpini italiani dimostrarono valore ed eroismo supremi.

“L’annuale ricordo di quella battaglia dimostra che il senso della storia non viene e non può essere dimenticato. Giulio Bedeschi, don Carlo Gnocchi, Mario Rigoni Stern, Nuto Revelli, il cappellano militare don Italo Ruffino hanno lasciato testimonianze di valore letterario ed umano di quella storia incredibile di invasione effimera dell’armata italiana in Russia voluta dalla follìa megalomane di Mussolini sull’onda dell’Armée napoleonica. I nostri alpini, insieme ai Bersaglieri e al glorioso Reggimento Savoia cavalleria che caricò all’arma bianca contro le mitragliatrici nemiche, rappresentano pagine di eroismo degne di essere perpetuate nel ricordo storico.Per il 70 ° anniversario il prossimo anno il Centro Pannunzio intende ricordare storicamente quelle vicende per rendere onore a quei Caduti ,ma anche per ricordare le follie della II guerra mondiale che tanti lutti e distruzioni hanno provocato” riferisce il prof Quaglieni, direttore del Centro Pannunzio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.