IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scioperi a terra e nei cieli: venerdì a rischio per i trasporti

Non bastava lo sciopero dei Tir, le proteste dei taxi e le minacce di “stop” da parte dei benzinai: oggi, a fermarsi, nei cieli e a terra, sono gli operatori aderenti alle sigle sindacali di base in segno di protesta contro il decreto sulle liberalizzazioni del governo Monti.

La vasta mobilitazione, voluta da Usb, Orsa, SlaiCobas, Cib-Unicobas, Snater, SiCobas e Usi, è destinata a provocare gravi disagi ai cittadini. I sindacati di base protestano contro le politiche del governo che “penalizzano lavoratori, pensionati, precari e disoccupati e che, con il ricatto del debito, intendono far pagare la crisi a tutti tranne coloro che hanno generato, speculato e fatto profitti su di essa”.

Treni a rischio fino alle 21 di questa sera lungo le rotaie liguri e dello Stivale. Viaggi dei pendolari a rischio, dunque, con possibili modifiche al servizio anche prima dell’inizio e dopo la conclusione dello sciopero. Per informazioni, oltre ai siti www.ferroviedellostato.it, www.trenitalia.com, si possono contattare gli uffici informazioni e assistenza clienti, le biglietterie e il numero verde 800-892021 (attivo fino alle 12 di sabato).

Paralisi anche nei cieli: Usb Lavoro Privato conferma lo sciopero per tutti i settori “colpiti da una forte crisi occupazionale e dal peggioramento delle condizioni di lavoro, ultima, in ordine temporale, quella della Argol, dove 76 lavoratori saranno licenziati tra poche ore”. Un altro stop nazionale di 24 ore riguarda i piloti di Meridiana Fly dell’Unione piloti e dell’Apm.

Intanto, è stata avviata una mobilitazione generale del settore trasporti da parte dei sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. Tutti chiedono al governo un confronto modifiche al decreto “Cresci-Italia”. Si aspettano risposte a breve per evitare ulteriori disagi ai cittadini, già “provati” dai blocchi degli autotrasportatori, protagonisti di una mobilitazione dal bilancio pesante con un morto, 13 arresti e 5 denunce tra i manifestanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.