Altre news

Legalità, gli studenti del “Falcone” di Loano incontrano Giovanni Impastato

Loano. Giovanni Impastato, fratello di Peppino, ha incontrato gli studenti del laboratorio Legalità dell’Istituto Falcone, nell’ambito delle iniziative volte a sviluppare negli studenti una più forte coscienza civile. La vicenda di Peppino, ucciso nel 1978 dalla mafia siciliana (poco dopo avere fondato Radio Aut che diffondeva idee di libertà e democrazia e denunciava le collusioni tra il mondo politico e quello mafioso), che i ragazzi conoscevano per aver visto il film “I cento passi”, è stata rievocata con fedeltà storica, affetto familiare e passione civile da Giovanni Impastato.

Lui e la sua famiglia, dopo l’assassinio di Peppino, hanno rifiutato il metodo mafioso della vendetta e hanno strenuamente lottato per ottenere giustizia, con un adesione piena alle convinzioni di Peppino: credere nella legalità è una scelta che paga. Tra i diversi temi, Giovanni ha appunto richiamato l’attenzione sul termine “Legalità” e sul suo abuso: “è legalità il rispetto dell’uomo e della sua dignità, non il solo rispetto della legge qualunque sia”.

“Se la legge non rispetta l’uomo, legalità è opporsi. La legalità è una cultura, una forma mentale e la società dei consumi spesso ce ne allontana. Bisogna aprire gli occhi, in un mondo pieno di squilibri: Non è legalità che il 20% della popolazione detenga l’80% delle risorse” ha detto nel suo intervento Giovanni Impastato che ha parlato a lungo con gli studenti stimolandoli a riflettere su quello che ha fatto Peppino ed a capire che “ognuno di loro può seguirne l’esempio, poiché i suoi atti non erano eroici, ma rispondevano alla sua sete di giustizia e alla fiducia in un mondo migliore e più bello”.

Nel suo passaggio in Riviera, durante una breve sosta ad Albenga, Giovanni Impastato ha anche firmato per i Fieui di Caruggi la piastrella che sarà inserita nel celebre muro di “E ghe mettu a firma” all’esterno della cantina di Dino Vio in vico del collegio e che sarà “scoperta” prossimamente durante una semplice cerimonia alla presenza delle autorità cittadine a sostegno della lotta contro la mafia, sotto qualunque aspetto si presenti.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.