Guasto ascensore: petizione con raccolta firme dei condomini dello stabile di Via Romagnoli - IVG.it

Guasto ascensore: petizione con raccolta firme dei condomini dello stabile di Via Romagnoli

via Romagnoli Savona

Savona. Una petizione con raccolta firme è stata inviata al presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, al Prefetto, al Procuratore Capo di Savona, al sindaco Federico Berruti e all’amministratore unico di ARTE Savona, dagli inquilini dello stabile di via Romagnoli al civ 37,di proprietà dell’A.R.T.E di Savona. “Siamo avviliti e sconcertati, nel constatare un disinteresse totale da parte dell’A.R.T.E. nei confronti di alcuni che reclamano giustamente l’utilizzo dell’ascensore al piano settimo del civico 37 di via Romagnoli, cosa che non è loro concessa da un paio d’anni circa”.

“Il guasto è dovuto a una necessaria forzatura della porta al piano in questione, che ha permesso (nel 2009) ad alcune persone e bambini, che presi dal panico urlavano aiuto di essere liberati. Perché bloccati all’interno dell’ascensore e, non in grado di poter uscire in modo autonomo: cioè azionando la leva sblocca ascensore posta nel suo interno, in corrispondenza della serratura di chiusura automatica e per la posizione dell’ascensore bloccato tra i due piani, era inaccessibile. Causa difficoltà del tecnico nella riparazione (2009),della porta forzata: che non chiudendo in modo adeguato ‘non consentiva il normale utilizzo dell’ascensore’. Per un atto di responsabilità e di piena solidarietà , l’inquilino dell’interno 15 suggeriva al tecnico di escludere momentaneamente l’utilizzo dell’ascensore al suo piano, per consentire a tutti gli altri condomini ed in modo particolare ad una persona malata, costretta a muoversi su sedia a rotelle l’uso dell’ascensore in seduta stante.” proseguono i condomini.

“Pensiamo che questo bel gesto di solidarietà, debba essere valorizzato con un pronto intervento manutentivo che permetta anche agli interni 15 e 16 l’utilizzo dell’ascensore. Ci dispiacerebbe che questa nostra lettera cadesse nel nulla, come tutte le nostre richieste nei confronti dell’ufficio manutenzione fatte da parecchi di noi toccati dalla vicenda. Non vogliamo credere che dietro tutto ciò ci sia una ripicca verso quest’uomo solo perché ha sostenuto in prima persona la battaglia per ottenere dall’ A.R.T.E di Savona, questi benedetti lavori di ristrutturazione, per risolvere una volta per tutte, l’atavico problema di degrado in cui si trovava lo stabile con i civ. 29-31-33-35-37 di via Romagnoli. Neppure vogliamo pensare che ci sia un malfunzionamento dell’ufficio manutenzione gestito dal geom. Faroppa di cui noi cittadini gli paghiamo lo stipendio:essendo l’A.R.T.E un ente pubblico e non privato”.

“Qualunque siano i motivi noi inquilini del condominio numero 37 di via Romagnoli, come atto di solidarietà nei confronti delle persone abitanti al piano in questione, chiediamo un pronto intervento in modo da porre rimedio al riparo del guasto e far si che non ci siano ulteriori disagi nei confronti di onesti cittadini che pagano regolarmente le tasse esercitando il proprio dovere di solidarietà di cittadini responsabili. Senza dimenticare che pagano anche l’utilizzo dell’ascensore al proprio piano, fatto che da tanto tempo, molto tempo non gli viene più garantito” concludono gli inquilini.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.