All’aeroporto di Villanova i piloti collaudatori impegnati nei test dei nuovi modelli M-346 - IVG.it

All’aeroporto di Villanova i piloti collaudatori impegnati nei test dei nuovi modelli M-346

Villanova. Test dei prototipi M-346 biposto e bimotore, i possibili nuovi modelli in dotazione all’Aeronautica Militare, stamane all’’aeroporto “Panero” di Villanova d’Albenga. Una nuova generazione di velivoli dotati delle tecnologie più avanzate in campo aeronautico, all’attenzione di tutto il settore europeo e con possibilità di diventare “addestratore” per tutte le nazioni aderenti alla Nato.

“Si tratta di test delicati – riferisce Matteo Maurizio, pilota collaudatore della casa produttrice Aermacchi -volti a mettere alla prova la potenza del velivolo portandolo ai limiti del suo sviluppo di impiego. Un pilota collaudatore è colui che vola quando ci sono delle ‘magagne’, e per sistemarle, di modo che gli allievi piloti volino nelle migliori condizioni. Prima, mentre stavo atterrando m’è venuto in mente il mio primo atterraggio qui, nell”89, ed è stata un’emozione. Questo è un velivolo che potrà essere adottato dall’aeronautica militare e anche all’estero: abbiamo richieste da Singapore”.

“M-346 è un velivolo avanzato di nuova generazione, che serve ad addestrare tutti quei piloti destinati a ricoprire ruoli di caccia. Oggi abbiamo testato varie capacità come quella di andare ad ampi angoli di attacco. Questa capacità vogliamo svilupparla con una funzione particolare che prevede l’impiego del velivolo senza cura, ovvero il pilota può fare qualsiasi tipo di impegno con i comandi di volo e il velivolo stesso rimane sempre sotto controllo. Le prove partono da qui ma si sviluppano in mare aperto, in condizioni di sicurezza. E’ un velivolo molto apprezzato dall’aeronautica italiana e anche all’estero” ha detto il pilota collaudatore Quirino Bucci.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.