Alassio: approvato il primo piano triennale degli acquisti verdi - IVG.it
Politica

Alassio: approvato il primo piano triennale degli acquisti verdi

comune alassio

Alassio. Su proposta dell’assessore all’ambiente Luigi Sibelli la giunta comunale ha approvato il primo piano triennale degli acquisti verdi. Un servizio o un prodotto può definirsi verde quando viene scelto anche sulla base dell’impatto ambientale che può avere nel corso del suo ciclo di vita.

Il Comune di Alassio si è impegnato ad adottare specifici “bandi verdi” ovvero documenti di gara nei quali sono stati inseriti criteri ecologici. Ai fini della redazione di un bando verde il responsabile degli acquisti dovrebbe essere in possesso delle seguenti informazioni: se il prodotto/servizio da acquistare rientra tra le tipologie di prodotto/servizio per le quali sono stati elaborati del criteri ecologici nell’ambito dell’Ecolabel europeo o di altri marchi comunitari e/o nazionali; se sono stati già pubblicati dei bandi verdi che abbiano per oggetto il prodotto/servizio da acquistare; infatti i bandi verdi già pubblicati da altre amministrazioni possono essere usati come modello per la redazione del bando; se il prodotto/servizio da acquistare è facilmente reperibile sul mercato; conoscere la situazione del mercato aiuta a stabilire se sia meglio utilizzare criteri ecologici più o meno stringenti e se fare o meno ricorso a varianti; si riducono in questo modo le possibilità che la gara vada deserta.

Il Piano elenca poi alcuni comportamenti sostenibili da tenere negli edifici dove vengono svolte le attività del Comune di Alassio. Per la carta: riutilizzare i fogli di stampa scartati e/o stampati da un solo lato per note, stampa bozze; stampare e fotocopiare in modalità “fronte retro” controllando l’anteprima prima della stampa; non fare fotocopie inutili; Impostare il fax perché stampi il report di avvenuto invio sul retro del documento inviato; usare la posta elettronica anche per messaggi o lettere ufficiali; utilizzare il cassonetto della carta per smaltire i fogli utilizzati da entrambi i lati (se pinzati togliere la graffetta metallica). Per risparmiare acqua: evitare di far scorrere l’acqua dei lavandini a lungo; controllare periodicamente l’impianto idrico per prevenire perdite.

Sul fronte del risparmio energetico: privilegiare la luce solare a quella artificiale; spegnere sempre luci e apparecchiature elettriche uscendo dall’ufficio; spegnere le apparecchiature elettroniche quando non si usano e non tenerle in modalità stend-by; spegnere fotocopiatrici e stampanti se non sono usate per più di mezz’ora; stampando, mantenere la modalità economy; mantenere una temperatura idonea negli ambienti al fine del risparmio energetico.

Infine effettuare la raccolta differenziata in appositi contenitori; utilizzare carta e cartucce per stampanti riciclati e rigenerati; riutilizzare gli imballaggi; utilizzare cancelleria fatta con materiali solubili in acqua (pennarelli, evidenziatori, ecc.); evitare l’uso di prodotti “usa e getta”; utilizzare detergenti ecocompatibili.

Per quanto riguarda la salute: mettere piante negli uffici per assorbire parte degli inquinanti presenti nel posto di lavoro; curare la manutenzione dei condizionatori e verificare il rispetto del divieto di fumare.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.