IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Televisione: la maggior dei liguri già usa il digitale terrestre

Regione. Mentre qualcuno cerca di spiegare quanto sarebbe “traumatico” il passaggio al digitale terrestre in Liguria, invocando azioni per far slittare lo switch off, i dati delineano una situazione di fatto ben diversa. I più recenti dati Auditel, infatti, mostrano come la maggior parte dei liguri già sia sintonizzato sulla tv digitale, ad un mese dallo spegnimento del segnale analogico.

Nelle rilevazioni ed elaborazioni di Nielsen Tv Audience Measurement Italy, emerge che nel mese di luglio 2011 in Liguria l’ascolto medio giornaliero è stato di 241.571 utenti. In vista del passaggio fissato al 10 ottobre, con termine ultimo a novembre, il dato interessante riguarda la spartizione percentuale tra le piattaforme, ovvero analogico tradizionale, satellitare e digitale terrestre. Qui sta la sorpresa: il digitale terrestre è già la piattaforma più utilizzata dagli spettatori liguri, con uno share del 47%, ampiamente sopra gli utenti della vecchia tv analogica che si ferma al 35% e della parabola che registra un 17%.

Tra la popolazione ligure, chi già guarda il digitale terrestre corrisponde ad una media giornaliera di 114.366 utenti. Dati che smentiscono, ancor prima del fatidico passaggio, le attuali preoccupazioni sulla problematicità del nuovo sistema, in una regione che, pur montuosa ed effettivamente piena di ripetitori tv, ha già risposto positivamente al cambiamento.

La Liguria è l’unica delle regioni che ancora non sono passate al digitale ad avere un così alto utilizzo dei nuovi decoder. Basti pensare alla Toscana, che allo stesso modo spegnerà ad ottobre i vecchi ripetitori: ha ancora il 56% di utilizzatori della vecchia tv a fronte del 22%, soltanto, del digitale terrestre. Dati simili li registrano anche le Marche (56% contro 19,4%) Calabria (53,9% contro 20,3%) Sicilia (54,9% contro 28,8%) con il record della Basilicata, dove il 60,9% dei televisori ricevono ancora l’analogico e solo il 21,1% il digitale terrestre.

Resta invece, in Liguria, il problema dell’informazione sull’argomento: molte persone poco aggiornate sull’imminente cambiamento del segnale radiotelevisivo o con scarsa dimestichezza con le tecnologie, in particolare gli anziani, potranno avere problemi, pur facilmente risolvibili. Più ostica la problematica che riguarda la particolare conformazione orografica della regione – come sottolineato da molti addetti ai lavori – che comporta difficoltà nella copertura totale del territorio: nei piccoli centri l’assenza di ricezione del segnale costringerà gli abitanti a ricorrere alla piattaforma satellitare per continuare a vedere la tv.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …Folgore: la faccenda non è espèressamente politica, i cui riflessi sono secondari. Il mio post era teso a significare come siamo i fanalini di <coda anche in questo settore (tecnologico).In Europa si va con cavo e SAT e noi per consentire all'amico di proporre la sua premium abbiamo anche fatto le norme per incentivare il DT… Tecnologia digitale applicata con mezzi da anno 60 ( le antenne sui tetti) … Riguardo al monopolio di Merdok sono daccordo con te. Ma ora, si è attuato un duopolio : uno sul SAT e uno sul DT… Sarebbe molto bello poter avere un offerta variegata e in regime di libera concorrenza , ma da noi il LIBERISMO è una parola con cui i pidiellini si riempiono la bocca da una parte, supplicando poi aiuti e sovvenzioni di stato ( in perfetto stile socialista) dall'altro…:-) In un sisrtema realmente libero e competitivo sai quanti dei tuoi "LIBERISTI" affonderebbero??!:-)
    Se proprio dove appagare la tua curiosità ti confesso che pago la cagnotta a Merdok non solo per l'offerta di news ( che sono davvero utili e non censurate) ma anche per i canali di cinema e quelli di documentari (400). Resto dell'idea che le fonti di informazione in Internet siano le migliori ma per comnodità, quelle ottenute con la TV sono davvero immediate e pratiche. Quindo vado avanto con la 7, Merdok e RAI 3 (o quello che ne resta dopo i recenti blitz demolitori…).
    Trovo comunque utile ascoltare ne NEWS interattive su Cielo dove si trovano special e info inedite, gentilmente offerte dalla guerra commerciale in atto tra Mr. B e Merdok.
    Ho anche due schede SAT estere per vedere canali stranieri di interesse nelle lingue che conosco e che non sono FTA.
    Ciao.

  2. folgore
    Scritto da folgore

    Francamente non capisco chi riesce a vedere il digitale terrestre, nelle regioni dove oramai c’è già stato lo switch-off si vede benissimo ovunque e non i soliti 6 canali ma un’offerta completa anche di TV locali.
    Qui a stento si pigliano in chiaro i 3 mediaset, boing iris e poco altro!La rai manco a parlarne, la 7 solo in alcune zone!
    @hi-tech, francamente non capisco cosa ha diverso Murdoch da “gli amici degli amici”, un uomo che ha monopolizzato il mercato (c’è chi si lamenta del dupolio definendolo uno scandalo, lui su satellite è solo e decide i prezzi senza concorrenza, vorrei vedere se l’avesse fatto il Berlusca!), che si è permesso di lucrare sulla morte delle persone, intercettando e pubblicando il dramma delle famiglie dei caduti, o dei familiari di persone assassinate!Una persona che ha truffato mezzo mondo e fatto fallire una serie infinita di società!

  3. Scritto da Bobby75

    Da internet si può attivare la scheda anche con dati falsi… io l’ho fatto, non so se si può fare ancora…

  4. Scritto da 1Antonio

    Digitale? Decoder? quest’ultimo è semplicemnte uno strumento che commuta il segnale analogico (antenna tradizionale per intenderci) in digitale.
    Quindi chi già prima ed ora non vede i canali in chiaro (perchè residente in una zona d’ombra non li vedrà nemmeno dopo lo Switch-of (commutazione). La soluzione è il satellitare oppure il tvsat che ti permette di vedere entrambe (digitale terrestre e satellitare) con l’antenna parabolica.
    A me che la RAI vada sul digitale non interessa, potrebbe anche non avvenire lo switch of, mi basta così (mediaset e la 7 sono sufficienti) la Rai trasmette trasmissioni antiquate, ripetitive e poi mannaggia devo pure pagare il canone, forse uno dei pochi che lo paga ancora..
    Riguardo ai tempi il problema è esclusivamente una questione di conformazione della liguria ma ormai ci siamo (ottobre).

  5. remo
    Scritto da remo

    Come dire il vero dicendo il falso. In effetti se compri un nuovo televisore, che per legge hanno il decoder incorporato, automaticamente si sintozizza sia sui canali analogici che digitali, quindi statisticamente io utilizzo il digitale, Peccato però che i gli unici canali che vedo siano quelli di mediaset, quindi ritorno a vedere l’analogico per la RAI, La 7, tivù locali ecc.