Progetto “Life+”: al Cersaa di Albenga il punto sulle acque di vegetazione - IVG.it
Economia

Progetto “Life+”: al Cersaa di Albenga il punto sulle acque di vegetazione

Agricoltura serra

Albenga. LIFE+ è lo strumento utilizzato dall’Unione europea per finanziare progetti ambientali. Per il periodo 2007-2013, LIFE+ stanzia un totale di 1,7 miliardi di euro per progetti relativi alla conservazione della natura, alle tecnologie ambientali e alla comunicazione in materia ambientale.

Il progetto PROSODOL (Strategie per migliorare e proteggere la qualità del suolo in seguito allo smaltimento delle acque di vegetazione all’interno del bacino del Mediterraneo), di cui il Ce.R.S.A.A. è partner insieme a ricercatori greci e spagnoli, si pone i seguenti obiettivi: sviluppare e diffondere l’uso di tecnologie innovative, a basso costo e rispettose dell’ambiente per la protezione del suolo e delle acque dalla contaminazione derivante dalle acque di vegetazione; costituire un database relativo all’impatto ambientale causato dallo smaltimento delle acque di vegetazione ad oggi definito nell’intero bacino del Mediterraneo; progettare e mettere in opera un sistema di monitoraggio per determinare il rischio correlato allo smaltimento delle Acque di Vegetazione su suolo e in corpi idrici (mappe di rischio); identificare impieghi potenziali delle AV in agricoltura e valutarne gli effetti sulla produzione.

Il giorno 6 ottobre, dalle ore 14.30, presso la Sala Convegni del Centro Regionale di Sperimentazione e Assistenza Agricola di Albenga si svolgerà un incontro organizzato nell’ambito del progetto LIFE + “PROSODOL” per presentare i risultati scaturiti dall’attività dimostrativa del progetto e per fare il punto sulle tecniche più promettenti relative alla gestione delle acque di vegetazione.

Saranno presenti i partner del progetto, greci e spagnoli, che illustreranno le attività condotte nei rispettivi Paesi.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.