Trasporto del carbone, i Comuni di Savona e Cairo chiedono incontro a Funivie e Port Authority

Savona. L’incidente avvenuto questa mattina sul Colle di Cadibona, in località Monte Moro, riaccende la polemica sull’eccessivo traffico di mezzi pesanti con carichi di carbone, anche di 30 tonnellate, che dalle Funivie-Alti Fondali sono diretti in Val Bormida, molti dei quali passano proprio per la Sp 29. Il ribaltamento avvenuto nella mattinata di oggi poteva, infatti, avere conseguenze ben più gravi e per questo il sindaco di Cairo Montenotte Fulvio Briano, dopo aver sentito il vice sindaco di Savona Paolo Gaggero, ha proposto un incontro a settembre con Port Authority e Funivie proprio sul trasporto del carbone, dopo il fermo della linea funiviaria. Inoltre i Comuni di Savona e Cairo chiederanno una accelerata sui collaudi del nuovo tunnel sotterraneo, nell’ambito del progetto di copertura dei parchi carbone.

“E’ innegabile che una circolazione del genere, con molti mezzi pesanti in movimento sul Cadibona crea inevitabili disagi alla mobilità, inoltre è chiaro che il trasporto su gomma, con carichi di un certo tipo, può causare problemi seri, come dimostra l’episodio di questa mattina. Speriamo che il tunnel, dopo i collaudi tecnici previsti, possa essere operativo dal mese di autunno, per superare una situazione che diventa sempre più insostenibile” afferma il primo cittadino cairese.

“E’ interesse anche del Comune di Savona completare e rendere operativa la nuova linea. L’intervento è stato realizzato con fondi pubblici, quindi pensiamo sia giusto chiedere una tempistica adeguata di attivazione con un incontro formale” sottolinea il vice sindaco di Savona Paolo Gaggero.

Il nuovo tunnel collegherà la banchina del terminal alti fondali del porto di Savona con lo snodo intermodale di San Rocco, dove sorge la nuova stazione di carico degli storici vagonetti funiviari destinati ai parchi San Giuseppe di Cairo. Il collaudo del tunnel sottomarino sarebbe dovuto avvenire nel mese di marzo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.