Savona, ultimo appuntamento con la danza al Priamar: il Don Chisciotte di Marius Petipa

Savona. Sta per giungere al termine la sesta edizione di “Danza alla fortezza del Priamar”, festival internazionale dedicato all’arte della danza, reso possibile della Fondazione De Mari, del Comune di Savona e degli sponsor Polti-promotore Azimut e Acqua Lauretana, oltre a quello del Comune di Finale Ligure.

Chiusura nel segno di un grande classico, venerdì 5 agosto alle 21,30, con la prima volta assoluta a Savona del Don Chisciotte, celebre balletto di Marius Petipa, ispirato al romanzo di Cervantes, su musiche di Ludwig Minkus. Sarà  la Compagnia del Teatro dell’Opera della Macedonia, di Skopje, a portarci finalmente questo balletto.

“Aveva appena il rubicondo Apollo disteso per la faccia dell’ampia e vasta terra le fila dorate de’ suoi bei capelli, e avevano i piccioli e variopinti augelletti con lor musicali lingue appena salutato con dolce e soave armonia l’apparire della rosata aurora, la quale, lasciando il tiepido letto del geloso marito, dalle porte e dai balconi del mancego orizzonte, ai mortali si mostrava, quando il famoso cavaliere Don Chisciotte della Mancia, lasciando le oziose piume, salì sul suo famoso corsiere Ronzinante, e cominciò a camminare per l’antica e celebrata campagna di Montiel”. Così inizia uno dei più importanti romanzi della letteratura mondiale, ad opera di Miguel de Cervantes e simbolo, a inizio Seicento, della nuova epoca moderna. Una vicenda che ha al suo centro, a ben vedere, la tematica del sogno e che non poteva non suscitare l’attenzione dei coreografi. La più celebre delle versioni, la stessa che sarà al Priamàr, è quella di Marius Petipa, rappresentata per la prima volta nel dicembre del 1869 dal Balletto del Bolshoi a Mosca.

I protagonisti di questa serata saranno i danzatori del Balletto dell’Opera della Macedonia. Per la prima volta a Savona, si tratta dell’unica compagnia statale del loro paese, sulla quale si concentrano gli investimenti culturali e le prerogative qualitative. Sono ormai note in tutta Europa le messe in scena di questo balletto, caratterizzate dalla tradizione e, in particolare, dalla magnificenza e bellezza dei costumi.

I caratteri generali del romanzo sono noti: Don Chisciotte, un eccentrico gentiluomo di campagna, si ritiene legittimo successore dei cavalieri erranti medievali. Ormai sogna soltanto la sua nobile dama Ducinea, per la quale combatterà le sue battaglie. Sancho Panza, nominato suo scudiero, parte insieme a lui per avventure cavalleresche di guerra e amore. La trama del balletto si concentra sull’episodio del tentativo infruttuoso di un uomo molto ricco, Gamache (Comacho nel romanzo), di sposare la bella Kitri (Quitera) che invece si innamora di Basil (Basilio), un giovanotto del villaggio.

I biglietti al Priamar costano 20 euro, ridotto 18 per giovani fino a 25 anni, ed euro 12 per ragazzi fino a 14 anni. Biglietteria: Teatro Chiabrera, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, domeniche escluse, telefono 019820409. Biglietteria al Priamar un’ora prima degli spettacoli. Prevendita on line su www.happyticket.it.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.