Sport

Un’altra delusione per gli sportivi vadesi: Sabazia vicino alla rinuncia alla serie B1

20101030SabaziaVsSaronno002

Vado Ligure. Lo sport savonese è reduce da una delle stagioni, nel complesso, più ricche di successi da anni a questa parte. Tanti i traguardi di rilievo centrati dalle varie società e dagli atleti della provincia, che hanno regalato grosse soddisfazioni agli appassionati locali. L’estate che segue immediatamente la stagione sportiva, al contrario, si sta rivelando molto difficile.

La nota vicenda del Riviera Vado Basket, che ha portato alla scomparsa del sodalizio biancorosso, è ormai andata in archivio. Quella del maggior sodalizio cestistico rischia però di non essere l’unica perdita per la provincia di Savona. Anche la più alta realtà della pallavolo, il Sabazia, è a forte rischio iscrizione.

Il sodalizio del presidente Dario Zucchi ha conti in regola e ha operato al meglio, gestendo le proprie risorse con oculatezza e vincendo i campionati di serie B2 e serie D. La Polisportiva Vadese, della quale il team gialloblu fa parte, deve però fare i conti con un bilancio ben più ristretto e non potrà più garantire cifre ingenti. I soldi dell’amministrazione comunale, invece, saranno diretti ai settori giovanili, non alle prime squadre. E così, a meno di sorprese, non sarà possibile racimolare una cifra tale da permettere al Sabazia di affrontare la serie B1.

La terza serie nazionale, che conta solamente tre gironi su tutto il territorio nazionale, è un’avventura non da poco. E così, conti alla mano, la società vadese non sembra in grado di affrontarla. I dirigenti le stanno provando tutte: hanno lanciato un appello agli altri comuni, sperando di trovare un’amministrazione che abbia intenzione di ospitare il Sabazia, trasferendo così la sede della squadra.

Al momento, secondo quanto si apprende, non vi sono riscontri positivi. Non c’è ancora nulla di ufficiale, ma la via più probabile pare essere la rinuncia alla serie B1 con il conseguente via libera a tutti i giocatori in grado di giocare a livello nazionale. Il Sabazia tornerebbe ad avere una sola squadra maschile, in serie C. Una seconda ipotesi potrebbe essere lo scambio di diritti con una società di serie B2 interessata alla B1: così il team vadese disputerebbe, come nelle due scorse stagioni, la quarta categoria nazionale. Con un budget decisamente più ridotto a quello dell’anno passato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.