Economia

Savona, Sara Vaggi nuovo presidente dell’Ata. Berruti: “Per la prima volta una donna”

sara vaggi

Savona. L’assemblea di Ata ha nominato il nuovo consiglio d’amministrazione per il triennio 2011-2014. Confermate le anticipazioni già trapelate, essendo l’azienda multiservizi la principale “camera di compressione” della politica savonese, facilmente intepretabile in luce post-elettorale. Sara Vaggi, record di preferenze nella lista civica pro Berruti, non ha trovato spazio nell’esecutivo di Palazzo Sisto ostacolata da resistenze di area Pd, ma è stata promossa presidente di Ata, subentrando a Livio Giraudo. E’ affiancata dal vicepresidente Roberto Pizzorno dell’Udc e, in qualità di consigliere, da Armando Codino di Rifondazione Comunista, confermato al suo posto, che sutura il passaggio tra prima e dopo.

Il sindaco Federico Berruti ha dato il benvenuto al nuovo cda: “Ringrazio il consiglio d’amministrazione uscente per il lavoro svolto. Ringrazio in particolare il presidente uscente Livio Giraudo che ha saputo unire, alle capacità tecniche, anche una spiccata abilità manageriale. A lui ho già chiesto di collaborare con me e con l’amministrazione. Auguro buon lavoro al nuovo consiglio di amministrazione. Per la prima volta la più importante azienda pubblica della nostra città è presieduta da una donna, che ho scelto per la sua esperienza di gestione di grande azienda. La affianca un vicepresidente conosciuto per la sua particolare attenzione per i quartieri più decentrati e una professionalità legata al commercio. Codino garantirà la continuità tra il cda uscente e quello nuovo”.

Gli obiettivi che si pone l’Ata per il nuovo triennio sono il consolidamento del servizio di igiene urbana nel centro, diffondendone i risultati in periferia, l’aumento della raccolta differenziata anche con l’aiuto dei commercianti, la promozione generale dello sviluppo dell’azienda e del lavoro che garantisce.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.