IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giornata conclusiva per il Meeting di Garlenda: quasi mille le Fiat 500 partecipanti foto

Garlenda. L’edizione 2011 del Meeting Internazionale Fiat 500 di Garlenda, la numero 28, sta vivendo la sua giornata clou. Questa mattina il colorato plotone delle piccole auto si è spostato fino all’Ippodromo dei Fiori di Villanova d’Albenga, dove è andato in scena un grande show con la partecipazione della banda Rumpe e Streppa di Finale Ligure.

Qui sono stati offerti spumante Asti docg e il “Frollino Cinquino” del panificio Cacciò, in un brindisi per festeggiare la Francia, ospite d’onore dell’edizione di quest’anno. Una simpatica rievocazione storica ha sottolineato l’importanza dell’evento.

Durante la mattinata sono state premiate le auto più originali, più simpatiche, provenienti da più lontano, più “frivole”, più “fedeli” e altre ancora: le premiazioni sono avvenute alla presenza delle autorità, dei dirigenti del Fiat 500 Club Club Italia e dell’Unicef. I premi non erano le tradizionali coppe o targhe, ma le famose Pigotte Unicef, che racchiudono in sé un significato molto speciale: per ogni Pigotta viene fornito un kit salvavita ai bambini meno fortunati. In qualità di Testimonial di Pace il Fiat 500 Club Italia ha deciso di adottare molte Pigotte aiutando a diffondere il messaggio di solidarietà e speranza.

Prima di rientrare le utilitarie hanno dato vita ad un carosello, facendo il giro dell’Ippodromo. Un chiassoso e colorato cordone di auto ha dato libero sfogo alla propria passione e voglia di divertimento.

Le vetture sono poi rientrate a Garlenda per il pranzo. Nel pomeriggio ci sarà ancora spettacolo con esibizioni di balli country a cura dell’associazione “Old Wild West” e balli latino americani con “Sensaciòn Latina”. La serata si concluderà con la famosa orchestra dalle note caraibiche “Riva Salsera”. Anche oggi le cucine della ProLoco sono aperte a pranzo e cena.

Nel Parco Villafranca è stato allestito il grande mercato ricambi, per chi desidera trovare parti per le proprie vetture. Per gli appassionati di collezionismo filatelico c’è una mostra a tema con annullo dedicato presso l’oratorio.

Le prime due giornate sono andate in archivio con un grande successo di partecipazione e la soddisfazione di tutti gli “equipaggi” che hanno aderito al Meeting. Raggiante il presidente del Fiat 500 Club Italia, Domenico Romano, per l’ottima organizzazione e la presenza di tante auto da tutta Italia e dall’estero. “Il mondo del cinquecentista è un mondo fantastico – dichiara -. Quest’anno è andata meglio dello scorso, stiamo toccando quota mille partecipanti, il massimo consentito. Siamo contenti che ci siano tanti raduni in tutto il mondo, perché così si celebra il mito. Ma quello di Garlenda è unico”.

Anche il presidente della Provincia, Angelo Vaccarezza, non ha fatto mancare la sua presenza. “E’ un raduno favoloso. Prima di tutto per l’intuizione di promuovere un prodotto italiano. La 500 ha rappresentato l’Italia nel mondo e la rappresenta ancora. Usando un veicolo favoloso viene promossa la nostra terra con le sue bellezze”.

“Nonostante la preoccupazione per il periodo di crisi abbiamo raggiunto un numero eccezionale di macchine – ha detto Alessandro Navone, assessore al Turismo di Garlenda -. Quello che ci fa più piacere è vedere come i cinquecentisti arrivino sorridenti nonostante i migliaia di chilometri percorsi, spesso non nel modo più comodo. Per noi è come se fossero di casa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Stevenlight
    Scritto da Diabolik

    Sono davvero ammirevoli questi raduni e in particolare quello di Garlenda.Complimenti a tutti i cinquecentisti e alla loro passione, meriterebbero tutti un premio per il loro impegno. La 500 è stata la prima macchina di mio padre e di tanti altri italiani e ogni volta che ne vedo una provo un’emozione particolare. Quindi viva la 500 sempre!