IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex colonie di Celle Ligure: il progetto di riqualificazione attende la valutazione della Regione foto

Celle Ligure. E’ tornato all’esame degli uffici regionali, dopo la bocciatura per incompatibilità con il Piano territoriale di coordinamento, il progetto di riqualificazione delle ex Colonie Milanesi di Celle Ligure. La documentazione e gli elaborati sono stati integrati con aggiornamenti e adeguamenti alle prescrizioni tecnico-ambientali. Il complesso dell’ex colonia marina, particolarmente appetitoso per la sua colllocazione sul promontorio suggestivo ricoperto di vegetazione, in prossimità dello svincolo autostradale di Celle, è oggetto di un progetto di mega restyling che ha già incontrato diversi intoppi, oltre alle resistenze della minoranza consiliare.

L’area ha un’estensione di poco più di quattro ettari (circa 36.000 mq a monte dell’Aurelia e circa 4.800 mq a sud dell’Aurelia) e si compone di tre corpi di fabbrica principali: il padiglione Baslini, il Secondo padiglione e il padiglione Sessa, oltre ad un edificio di recente impianto in prossimità dell’Aurelia. Il piano di riqualificazione prevede la demolizione e la ricostruzione degli edifici: l’ampliamento delle volumetrie esistenti e la loro rifunzionalizzazione a complesso turistico ricettivo, con una struttura alberghiera dotata di servizi quali una sala congressi, un centro benessere, attrezzature per la spiaggia e una residenza turistico-alberghiera.

Si prevede anche il ripristino del pontile esistente a protezione della spiaggia, oltre ad opere di ripascimento dell’arenile. Infine, il tunnel sotterraneo vorrebbe essere ristrutturato in modo da garantire la connessione tra la struttura alberghiera posta a monte dell’Aurelia e la spiaggia.

L’albergo troverebbe la sua collocazione nei padiglioni Baslini e Secondo padiglione: costituito da 144 camere (274 posti letto), spazi comuni, reception, sala polivalente, bar, magazzini e locali tecnici, cucine, ristorante. Sarebbe inoltre dotato di sala congressi (246 persone a sedere), centro benessere (di circa 2.500 metri quadri) e piscina esterna.

Il padiglione Sessa è destinato ad essere ricostruito per ospitare la nuova funzione turistica ricettiva (37 unità abitative con una capacità di 43 posti letto effettivi e 57 aggiuntivi). Il padiglione attualmente è composto da due volumi di altezza diversa con copertura a terrazzo e da una serie di elementi aggiunti nel corso degli anni. Secondo il progetto, la ricostruzione avverrebbe attraverso un inserimento più consono all’andamento del terreno esistente, con una distribuzione a gradoni lungo il versante collinare, prevedendo l’impiego della pietra e coperture inerbite a terrazzo per ridurre l’impatto visivo dall’Aurelia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.