Cronaca

Murialdo dopo l’apertura del ponte militare, il sindaco Odella: “Siamo rinati”

murialdo, ponte militare

Murialdo. “Siamo rinati”. Con queste parole liberatorie il sindaco di Murialdo, Bruno Odella, saluta l’apertura del ponte militare in località Brigneta grazie al quale i cittadini possono finalmente spostarsi aggirando la frana che dal 24 dicembre scorso taglia in due la provinciale 51 in zona Isolagrande.

“Queste, per noi, sono giornate felici – continua il primo cittadino di Murialdo – Vedere moto e macchine che ricominciano a circolare dà a tutti una piacevole sensazione di libertà. Ieri pomeriggio anche molti curiosi hanno raggiunto il ponte semplicemente per godere di questo risultato. Questo, infatti, permette ai cittadini di risparmiare tempo e denaro per i loro spostamenti. Ora non siamo più costretti a passare per il Colle del Melogno o quello dei Giovetti e questo ci permette di risparmiare una mezz’ora di viaggio con i connessi costi di carburante”.

Il Genio Pontieri ha costruito il ponte a tempi record permettendo di aprire il passaggio giorni prima rispetto ai tempi previsti. Sabato 2 aprile alle ore 12,20 la struttura è già stata messa nelle condizioni di svolgere la propria funzione. Sono stati 60 i militari impegnati nell’opera, di cui 42 direttamente nelle operazioni di costruzione: grazie a loro ha preso forma il ponte di 30 metri per un peso di 50 tonnellate e una capacità di 40. Una via di accesso importantissima per i cittadini fino a quando non sarà rispristinata la cirsolazione sulla sp 51: ma i tempi, per questo, sembrerebbero ancora lunghi. “Noi speriamo nel prossimo anno”, conclude Odella.

Intanto per mercoledì 6 aprile è previsto un nuovo sopralluogo dell’assessore regionale alle infrastrutture Raffaella Paita, con al centro i fondi per alluvioni e frane stanziati dal governo e che dovranno servire anche per i lavori necessari al ripristino della viabilità sulla SP 51, chiusa dal 24 dicembre scorso.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.