Il fotografo Marino Parisotto sceglie ancora Alassio come set - IVG.it
Altre news

Il fotografo Marino Parisotto sceglie ancora Alassio come set

Alassio. Marino Parisotto ha scelto nuovamente Alassio come location e cornice per un suo set fotografico. Parisotto fotografa se stesso per il nuovo calendario della Lavazza. La firma autorevole della fotografia infatti, insieme ad altri grandi fotografi che nell’ultimo decennio hanno collaborato con la Lavazza, sarà protagonista del calendario 2012 realizzato dal marchio leader mondiale nella produzione di caffè.

Il fotografo sarà impegnato sul set nella giornata di domani, insieme a quattro modelle. Sugli scogli della diga foranea del porto di Alassio, grazie alla collaborazione dell’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Alassio, sarà allestito il set fotografico, dove saranno realizzati gli scatti.

Marino Parisotto è il fotografo che “Photo France”, la prestigiosa rivista di fotografia, colloca tra i dieci migliori fotografi al mondo. Dopo la campagna stampa del marchio di abbigliamento Brema, realizzata con il testimonial Sergio Muniz e dopo il servizio della Perla realizzato lo scorso anno, Parisotto, torna ad Alassio dimostrando il suo legame alla “città del muretto.”

Nato a Toronto da famiglia di antico sangue veneziano Parisotto, oggi vive fra Milano, Parigi e New York. Dopo gli studi in economia, il suo spiccatissimo senso estetico e il suo amore per l’arte, lo hanno condotto ad esplorare, in giovane età, il mondo della fotografia di moda. La sua è stata una carriera folgorante, a meno di dieci anni dall’esordio, Marino Parisotto si è collocato tra i maggiori fotografi di moda, realizzando campagne pubblicitarie di forte impatto. Romantico e visionario, lo stile di Marino Parisotto si affida all’arma più tradizionale: la bellezza in tutte le sue forme.

Grazie alla forza ed al simbolismo dei suoi messaggi, le immagini di Parisotto mettono le ali e fanno volare la comunicazione. Una volta superata la fredda e scarna immagine della realtà si libera la fantasia, creando un nuovo modo di “fare” fotografia nel campo della moda.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.