Cronaca

Savona, chiesa gremita e folla commossa per l’addio a “Checco” Robatto

Giuseppe Checco Robatto

Savona.Chiesa gremita questa mattina, a Savona, per l’ultimo saluto a Giuseppe “Checco” Robatto, una delle colonne portanti del tribunale savonese dove ha svolto la sua attività di giudice di pace (per anni è stato in servizio anche a Varazze). Il giudice, che si è spento all’età di 75 anni all’ospedale San Paolo dove era ricoverato dal gennaio scorso per una brutta infezione che lo aveva colpito alle vie respiratorie, stamane ha ricevuto l’ultimo abbraccio dalla sua amata savona.

Amici, avvocati, i colleghi dell’ufficio dei giudici di pace, ma anche rappresentanti delle forze dell’ordine e della politica locale non hanno voluto mancare. Tra i presenti nella chiesa di San Domenico, in via Mistrangelo, c’erano anche l’assesore Molteni, il colonello Garau, Luciano Pasquale, Rocco Peluffo, l’ex presidente dell’associazione “Campanassa” e Lelio Speranza. Robatto era molto conosciuto anche per il suo impegno nelle iniziative culturali: dall’Accademia italiana della cucina, al Garden Club di Savona, al Casino di lettura, all’Associazione culturale “Renzo Aiolfi”, all’Accademia musicale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.