Pietra, giornata nazionale del braille: gli alunni si cimentano in un laboratorio tattile - IVG.it

Pietra, giornata nazionale del braille: gli alunni si cimentano in un laboratorio tattile

Pietra Ligure. L’assessorato alla pubblica istruzione del Comune di Pietra Ligure, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione sui temi connessi alla disabilità ed in occasione della Giornata Nazionale del Braille, ha promosso un incontro destinato ad alunni ed insegnanti delle scuole primarie finalizzato a divulgare il sistema di lettura/scrittura Braille.

Nei giorni scorsi, il personale dell’Unione Italiana Ciechi e dell’Istituto Chiossone hanno incontrato gli alunni classi V dei plessi scolastici di Via della Cornice e Viale Europa di Pietra Ligure. Nella prima parte dell’incontro ai bambini sono state spiegate le nozioni  base sulle quali si fonda il Braille quale sistema di lettura/scrittura utilizzato dalle persone non vedenti quale metodo d’accesso alla “cultura”. Nella seconda parte gli alunni sono stati coinvolti in un laboratorio tattile dal titolo: “Costruiamo un libro con le figure per bambini non vedenti”.

Ecco che leggere un libro diventa possibile con il braille e guardarne le figure diventa possibile se si trasformano in una sorta di bassorilievo. Uno degli obiettivi del laboratorio tattile quindi è stato quello di informare i bambini e i ragazzi sul mondo della disabilità visiva attraverso l’operatività e il gioco.

L’inserimento del codice braille abbinato alla scrittura in nero è fondamentale per permettere la doppia fruibilità dello stesso testo, introducendo il concetto di parità delle opportunità e delle possibilità: non sempre il bambino cieco deve avere del materiale “speciale” ma può fruire contemporaneamente al compagno vedente di un unico testo, purché ovviamente adattato. Realizzare immagini a rilievo stimola di per sé a dar vita ad un laboratorio espressivo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.