Tassa sul turismo, Fiavet: “Paradossale, confidiamo in intervento ministro Brambilla”

Turismo e turisti

Fiavet, la Federazione delle agenzie di viaggio, manifesta la propria contrarietà rispetto alla prospettata introduzione della tassa di soggiorno nei comuni a vocazione turistica.

“E’ paradossale – sostiene Cinzia Renzi, presidente di Fiavet – come il turismo nel nostro paese sia chiamato in causa solo per l’introduzione della tassa di soggiorno. Spiace constatare ancora una volta la miopia di certe proposte che non fanno altro che peggiorare la situazione di un comparto già in forte ‘depressione’. La tassa di soggiorno non farà altro che penalizzare il prodotto turistico italiano rispetto al panorama turistico internazionale. Fare incoming è di per se già molto difficile con la tassa di soggiorno lo diventerebbe ancora di più. E’ auspicabile – conclude il presidente Renzi – un intervento del ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, in difesa del settore”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.