Albenga: rinnovato il consiglio dell’Associazione Culturale Amici dei Licei Ingauni - IVG.it

Albenga: rinnovato il consiglio dell’Associazione Culturale Amici dei Licei Ingauni

Albenga

Albenga. E’ stato rinnovato il Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale Amici dei Licei Ingauni: ne fanno parte ex-allievi e docenti della Scuola albenganese che si avvia a celebrare il 150° anniversario dalla sua fondazione.

L’ A.C.A.L.I., fondata nel 1997, si propone di mantenere e diffondere nel tempo lo spirito e l’azione culturale del Liceo che, da decenni, rappresenta un importante punto di riferimento, sociale e culturale, per Albenga e il suo comprensorio. Da anni gestisce l’assegnazione della Borsa di Studio “Porello” che, grazie al contributo generoso della Signora Bianca Menchetti  Porello, consente ad uno, o più , studenti meritevoli di coprire le spese principali per l’iscrizione al primo anno di Università.

Nell’immediato l’Associazione si propone di affiancare le molteplici attività già programmate dalla Scuola per le celebrazioni del 150° anniversario, ma anche, dopo la pubblicazione del volume “Storia del liceo di Albenga del Prof. Mario Moscardini, di raccogliere dagli ex-studenti materiale fotografico e racconti di vita vissuta che consentano di mettere insieme un annuario semiserio che racconti le piccoli storie e i grandi personaggi che hanno animato il nostro Liceo nel corso degli anni.

Per la raccolta di adesioni, l’invio di materiale o semplicemente per informarsi sull’attività dell’Associazione sono state aperte una pagina facebook (acali bruno) e una casella email (associazione.acali@gmail.com).
Il nuovo Consiglio Direttivo risulta composto da:Gianni Peirano (presidente),Roberta Risso (vicepresidente), Manuel Enrico (segretario e tesoriere), Rosa Bellantoni, Marilena Bruzzone, Ambra De Capitani, Fausta Pansera, Liana Parodi, Andrea Ricci, Giovanna Risso e Pina Verrazzani.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.