Albenga, opposizione infuriata: “Mai più seduti ad un tavolo per la sanità con la Guarnieri” - IVG.it
Cronaca

Albenga, opposizione infuriata: “Mai più seduti ad un tavolo per la sanità con la Guarnieri”

Albenga - municipio comune

Albenga. L’opposizione consiliare di Albenga sul piede di guerra con il sindaco Rosy Guarnieri per la questione sanitaria. La minoranza ha infatti depositato in Comune un atto di protesta firmato, in qualità di capogruppo, dai consiglieri Vio, Tabbò e Varalli. Nel documento si fa riferimento alle recenti dichiarazioni della Guarnieri sul punto nascite ad Albenga.

L’opposizione per protesta annuncia che non parteciperà più a nessun incontro sul tema con il primo cittadino perché “ritengono le ultime dichiarazioni assolutamente contrastanti con quanto affermato dal Sindaco in occasione dell’ultima riunione Capigruppo sul tema sanità, un incontro voluto dalla Guarnieri stessa alla presenza del Dott. Neirotti, in cui, di fronte alle argomentazioni delle difficoltà economiche che attraversa la sanità Ligure, a causa dei tagli imposti alla stessa dal Governo di centro- destra, dell’impossibilità di trasferire il reparto di Maternità da santa Corona ad Alberga (pena il decadimento del DEA di II° livello), lei disse: ‘prendiamo atto che allo stato delle cose, non è ipotizzabile un reparto di maternità nell’ospedale di Albenga’”.

“La protesta dell’opposizione è un atto di accusa preciso verso il Sindaco Guarnieri che, a nostro parere, utilizza i lavori della Commissione Sanità strumentalmente per lanciare attraverso gli organi di informazione messaggi che distorcono la verità al fine di crearsi in modo assolutamente ‘bugiardo’ posizioni barricadiere di unico difensore di Albenga” si legge nel documento.

“Non volendo ulteriormente prestarsi a sciatte strumentalizzazioni, comunichiamo quindi la nostra volontà di non partecipare ad altri incontri sul tema, con la presenza del Sindaco” concludono Vio, Tabbò e Varalli.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.