Politica

Varazze, post alluvione: le proposte del locale circolo Pd

Alluvione Varazze

Varazze. Il Partito democratico di Varazze esprime la propria solidarietà verso tutti i cittadini che sono stati colpiti dal tragico evento dell’alluvione. “Esprimiamo riconoscenza a tutti i volontari che individualmente e in forma organizzata hanno contribuito alle prime opere di soccorso e di ricostruzione delle condizioni di vivibilità nelle zone colpite – dichiarano gli esponenti del Pd varazzino -. Alle istituzioni spetta ora l’impegnativo compito di dare risposte concrete ed efficaci per la sicurezza del territorio e la ripresa economica della città”.

“Riteniamo indispensabile – proseguono – che al più presto l’amministrazione comunale e quella provinciale concorrano alla predisposizione di un piano generale basato su uno studio serio che definisca gli interventi, le priorità e le esigenze di risanamento dell’intero sistema idrogeologico di Varazze. In questo senso va innanzitutto affermato che gli interventi di ripristino e risanamento idrogeologico (rifacimento degli argini, regimazione dei torrenti, riassetto infrastrutturale) non possono in alcun modo essere demandati e posti totalmente a carico dei cittadini coinvolti”.

“Si tratta oggi di proseguire – sottolineano i portavoce del Pd di Varazze -, con le dovute specificità, le esperienze derivata dalla messa in sicurezza del Torrente Teiro che hanno evitato, con le opere realizzate, una ulteriore e più pesante esondazione. Oggi anche di fronte alle modificazioni del clima occorre la consapevolezza che il territorio va preservato non solo garantendo la funzionalità della rete di deflusso delle acque, ma anche attraverso una permanente attenzione sulla compatibilità delle trasformazioni urbanistiche”.

Per quanto riguarda le politiche di sostegno e aiuto ai cittadini il Partito democratico di Varazze avanza alcune proposte. “Avendo presente che lo stato di calamità prontamente dichiarato va specificato e gestito con provvedimenti concreti – affermano gli esponenti del Pd – evidenziamo in primo luogo che le risorse finanziarie pubbliche non devono riferirsi solo all’emergenza immediata, ma devono essere in grado di permettere il risanamento dell’intera rete infrastrutturale colpita. Quanto in oggi dichiarato disponibile dal Governo è del tutto insufficiente”.

“E’ necessario – proseguono – assecondare la ripresa economica delle attività artigianali, commerciali e ricettive colpite attraverso aiuti diretti e significative agevolazioni fiscali e tributarie statali, regionali e comunali; inoltre, per tutti i cittadini danneggiati sia nei beni immobili che nelle auto e/o attrezzature, vanno assunte iniziative ad ampio raggio che consentano forme di ripristino e sostituzione agevolate; infine il Comune deve garantire assistenza e coordinamento nel rapporto con i cittadini attraverso una più efficace e mirata organizzazione dei propri servizi (lavori pubblici, autorizzazioni edilizie e altri servizi coinvolti)”.

“Riteniamo – concludono dal Pd varazzino – che su queste proposte sia necessario e possibile trovare la convergenza e l’impegno di tutte le forze politiche e sociali della città”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.