Cronaca

Ultras serbi, escrementi e fumo libero in albergo a Varazze

Italia-Serbia partita sospesa

Varazze. Escrementi negli ascensori e sui pavimenti delle camere, fumo di sigarette nei corridoi, negli alloggi e nella sala da pranzo. Non solo Genova, anche Varazze ha subito le intemperanze dei tifosi serbi venuti in Italia per la partita Italia – Serbia.

Nella cittadina turistica è stato preso di mira il Park Hotel, un albergo a tre stelle, dove hanno alloggiato 44 tifosi tra i 20 e i 30 anni, arrivati attraverso un accordo della direzione con un tour operator di Roma che, a detta degli operatori, non avrebbe però spiegato in modo chiaro quali fossero i clienti in arrivo nella struttura di via Padre Piazza, alle spalle della stazione ferroviaria, nel quartiere di San Nazario.

Lo staff dell’albergo ha così dovuto separare velocemente i clienti tradizionali e anche i 7 sfollati dell’alluvione del 4 ottobre scorso, rimasti senza casa, spostandoli al primo piano, quello più controllato. Gli ospiti serbi sono stati sistemati in camere al secondo e terzo piano. Tra i tanti disagi sopportati, che il personale indica come soprusi e violenze morali, il ritrovamento di escrementi sia nell’ascensore sia sul pavimento di alcune camere, tutte dotate di servizi igienici interni.

Nessuno, inoltre, ha rispettato il divieto di fumo nelle camere e negli spazi interni comuni riempendo dell’odore acre delle sigarette i corridoi e la sala da pranzo durante la prima colazione, prima di partire alla volta dello stadio Ferraris di Genova.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.