Toirano in aiuto del Sudan per dare un’istruzione ai bambini

Solidarietà

Toirano. Il Comune di Toirano in aiuto del Sudan. Una “missione” portata avanti già dal 1999, come spiega il sindaco Silvano Tabò: “L’idea del gemellaggio nacque da un servizio televisivo andato in onda nel 1999 che raccontava della difficile situazione del Sudan. L’amministrazione comunale si mosse immediatamente per poter aiutare la popolazione, si mise in contatto con Monsignor Mazzolari, vescovo di Rumbek, e si impegnò per costruire la missione di Yirol”.

Il comune di Toirano stanziò subito quaranta milioni di lire, per ricostruire la missione, ma per completare l’opera ne mancavano altri 140.000.000 di lire. Si decise allora di coinvolgere nell’iniziativa il gruppo della “Festa dei Gumbi” che stabilì che l’intero ricavato dell’edizione 1999 sarebbe stato mandato ad Yirol. Alla fine della festa si raccolsero altri 95 milioni di lire, un risultato che permetteva di iniziare la ricostruzione di Yirol. “Da allora – spiega il sindaco – ogni anno il gemellaggio viene rinnovato, io stesso sono stato in sud Sudan tre volte, l’ultima delle quali nel 2007: molto è cambiato, oggi Yirol ospita una scuola che coinvolge circa 2000 studenti, ma tanto c’è ancora da fare. Proprio per questo abbiamo deciso di aderire al nuovo progetto di padre Cesare Mazzolari, Vescovo della Diocesi con cui siamo gemellati: la costruzione di un centro di formazione per insegnanti, perché oggi, in Sudan, insegnare ad insegnare vuol dire soprattutto dare a milioni di bambini la certezza di un futuro diverso fatto di pace, prosperità, serenità, pace e lavoro”.

Nell’intero Stato dei Laghi (Lakes State), un territorio di oltre 40.200 kmq che conta una popolazione di 350.000 persone e oltre due milioni di sfollati, non esiste alcuna scuola per la formazione degli insegnanti. Solo nella Diocesi di Rumbek ci sono decine di migliaia di bambini in età scolare di cui solo 10.000 vanno a scuola e solo il 4% delle bambine terminano gli studi primari. Per questi bambini, ci sono appena 250 insegnanti attivi, di cui solo il 5% ha una qualifica per svolgere veramente il proprio lavoro. Una situazione drammatica perché senza una seria istruzione di base, si sa, ogni possibilità di sviluppo anche economico risulta impossibile, non solo per il singolo, ma per la società intera. E senza insegnanti preparati, lo sviluppo resta solo una aspirazione e un sogno che non potrà mai diventare realtà.

“Il Comune di Toirano vuole regalare un futuro diverso a questi bimbi – dice Tabò -. Il progetto ‘Salvare l’Africa con l’Africa’ investire nello sviluppo delle nuove generazioni per andare oltre. Abbiamo già ottenuto, grazie ad un bando della Regione Liguria, circa 38.000 Euro per finanziare questo progetto: oggi, con il sistema degli sms solidali, possiamo fare molto di più. Chiediamo dunque a tutti di aderire all’appello della testimonial Claudia Gerini, e fino al 20 ottobre di inviare un sms al 45598, donando così 1 euro da cellulare e 2 euro da rete fissa”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.