Cronaca

Rissa al bar della stazione di Cengio: chiuso con tre condanne il processo

Savona Tribunale

Savona. Si è chiusa questa mattina, con tre condanne, in Tribunale a Savona, la vicenda che vedeva sul banco degli imputati altrettante persone che, nel giugno del 2005, erano rimaste coinvolte in una maxi-rissa con quattro feriti, tra cui due carabinieri, al Bar Italia della stazione di Cengio ,ed erano finite in manette.

L.T., di origine torinese ma residente a Cengio, è stato condannato ad un anno e 7 mesi, sua madre, C.Z., ad un anno e sei mesi e M.P., sempre di Cengio, è stato invece condannato a un anno e 5 mesi. Le pene per tutti gli imputati sono state condonate.

Secondo il quadro accusatorio la rissa era stata scatenata da uno screzio per futili motivi tra L.T. e un ragazzo tunisino. Il piccolo diverbio, avvenuto al pomeriggio davanti al bar sembrava finito essersi risolto ma quella stessa sera, intorno alle 21,30, il torinese, armato di un coltello da cucina, e spalleggiato da M.P., era tornato nel locale dove l’immigrato stava giocando ai video-giochi, per definire una volta per tutte la questione rimasta in sospeso dal pomeriggio.

A quel punto, il tunisino sarebbe stato affrontato dai due rivali che nel frattempo erano stati raggiunti dalla madre e dalla sorella di L.T. fuori dal bar. Ne era scaturita una rissa violentissima che non si era placata nemmeno all’arrivo dei militari che erano anche stati presi a calci e pugni. Vista la situazione erano poi intervenute due pattuglie, oltre alle ambulanze della Croce Rossa di Cengio e all’automedica.

Finalmente, una volta sedata la rissa, i protagonisti, due dei quali, per aver riportato ferite lievi, erano stati prima medicati in ambulanza (i due militari aggrediti erano invece stati trasportati al Pronto soccorso dell’ospedale cairese con prognosi di 30 giorni), erano stati portati in caserma. I due cengesi, la donna e il tunisino erano stati arrestati e poi trasferiti in carcere, mentre la minorenne denunciata a piede libero era stata temporaneamente affidata a dei vicini di casa.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.