Cronaca

Passava informazioni ad indagati per giro di spaccio: carabiniere rinviato a giudizio

Savona Tribunale

Savona. Rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e favoreggiamento personale. Sono queste le gravi accuse per le quali un appuntato dei carabinieri, M.A., 46 anni, questa mattina, è stato rinviato a giudizio dal gup del Tribunale di Savona Donatella Aschero. Il carabiniere, secondo il quadro accusatorio, avrebbe rivelato ad un 43enne albenganese, C.C., l’esistenza di indagini in corso a carico suo e di altre tre persone (M.H., marocchino, M.A. e M.F.) con le quali aveva messo in piedi un giro di spaccio.

Sempre secondo quanto ricostruito dagli accertamenti svolti dai colleghi dell’appuntato, grazie alle “soffiate” del militare, i quattro spacciatori sarebbero riusciti ad eludere le indagini su di loro. In particolare, in seguito alle rivelazioni, avrebbero cambiato tutte le loro utenze telefoniche e avrebbero iniziato ad evitare di scambiarsi informazioni “esplicite” al telefono.

Gli episodi che vengono contestati risalgono al periodo novembre-dicembre 2008 quando la presunta “talpa” prestava servizio prsso la Compagnia di Albenga (a partire dal gennaio 2009 l’appuntato prese servizio presso la caserma di Alassio). Mentre il militare rivelava loro informazioni sulle indagini i quattro avrebbero gestito uno “smercio” di droga proprio nell’albenganese e nell’alassino. La prima udienza del processo che vedrà sul banco degli imputati il carabiniere è stata fissata, davanti al Collegio dei Giudici del Tribunale di Savona, il prossimo 29 giugno.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.