Economia

Sospensione del debito bancario alle Pmi liguri

Giancarlo Grasso

Genova. Oggi, al Palazzo della Borsa di Genova, la Regione e Unioncamere Liguria hanno presentato alle imprese il provvedimento per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio bancario e relativo ai finanziamenti e alle operazioni con agevolazione pubblica. La disposizione nasce dall’Avviso comune sottoscritto il 3 agosto 2009 da ministero dell’Economia, Abi e associazioni di categoria. La Giunta regionale, nei primi giorni di luglio, ha deliberato l’adesione al provvedimento individuandone l’ambito d’applicazione normativa.

«Il provvedimento – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianto Liguriaè un passo necessario per dare ossigeno alle imprese soffocate dalla crisi economica e dalla viscosità del sistema creditizio. Abbiamo atteso con impazienza l’adesione della Regione e, in questi mesi, nei nostri incontri con l’assessore allo Sviluppo economico Guccinelli avevamo già ribadito la necessità di andare in questa direzione.  Troviamo fondamentale che si faccia il possibile per informare le imprese su questa importante opportunità e quindi plaudiamo all’iniziativa odierna. Confartigianato Liguria ha dato risposta immediata a questo aspetto e le nostre sedi territoriali sono aperte a tutte le imprese che vogliono ricevere informazioni o assistenza sulla possibilità di godere dei nuovi benefici»

Il provvedimento tende una mano ai problemi di credito della Pmi. «Le realtà artigiane liguri – dice Grasso – appartengono al panorama della piccola e media impresa, così come la maggior parte delle aziende nel territorio. Le piccole imprese, benché virtuose, essendo economicamente meno solide, sono più esposte agli effetti della crisi e rischiano il soffocamento, se le maglie del credito non si allargano».

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.