Processo "Don Lu": l'imputato legge memoriale, 18 testimoni in aula - IVG.it
Cronaca

Processo “Don Lu”: l’imputato legge memoriale, 18 testimoni in aula

Don Luciano Massaferro arresto

Savona. Agg. ore 14.15 L’udienza è stata sospesa e riprenderà più tardi intorno alle ore 14,30. Gli avvocati difensori di Don Luciano, Marco Ronco e Alessandro Chirivì, hanno accompagnato in aula il loro assistito che ha fornito sponteneamente la sua versione dei fatti.

“Don Luciano – hanno detto gli avvocati – ha reso delle dichiarazioni spontanee per chiarire la vicenda e illustrare il suo punto di vista. Ha letto in aula un lungo discorso nel quale ha respinto con decisione tutte le accuse che lo vedono accusato di presunti abusi sessuali”. Secondo gli avvocati nella testimonianza della madre, che in aula avrebbe riferito quanto le avrebbe raccontato la figlia, sono emerse numerose contraddizioni così come nelle precedenti udienze. All’udienza erano presenti tutti i testimoni dell’accusa. Nel pomeriggio saranno sentiti gli psichiatri che presenteranno le loro relazioni ed alcuni consulenti informatici. Sono invece terminate le audizioni degli educatori e catechisti che lavoravano a fianco di Don Luciano.

– Quella di oggi si preannuncia un’udienza davvero lunga nel processo a carico di Don Luciano Massaferro, il prete alassino accusato di abusi sessuali su una parrocchiana 13enne. Il procedimento penale in corso presso il Tribunale di Savona è giunto alla sua quinta tappa e finalmente ha fatto la sua comparsa in aula l’imputato: Don Lu, durante l’udienza, ha letto un lungo memoriale nel quale ha detto la sua su tutta la vicenda che lo vede coinvolto, con la detenzione in carcere dal dicembre scorso.

18 in tutto i testimoni chiamati a deporre in un aula ancora una volta blindata, test dell’accusa chiamati a confermare l’impianto di prove a carico del prete alassino. Non solo: nel corso dell’udienza è stata ascoltata per oltre un’ora la madre della ragazzina che avrebbe subito le violenze sessuali, ricostruendo tutto il percorso “familiare” che ha portato alla denuncia dei fatti contestati a Don Luciano. In mattinata hanno poi sfilato sul banco dei testimoni i catechisti ed i frequentatori della parrocchia in cui prestava servizio il prete alassino.

Dopo una breve pausa l’udienza riprenderà nel primo pomeriggio, quando verranno ascoltati i consulenti informatici che hanno svolto le perizie sui computer del prete alassino così come i periti psichiatrici che hanno svolto le loro relazioni, oltre ad alcuni sovrintendenti che hanno preso parte alle indagini che portarono al clamoroso arresto di Don Lu.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.