Pontinvrea, una domenica “Nel segno del legno”

Pontinvrea

Pontinvrea. “Nel Segno del Legno, Alberi, boschi e sottobosco dell’entroterra savonese” è una manifestazione tematica che avrà luogo a Pontinvrea nello Chalet delle Feste, domenica 25 Luglio.

Con tale iniziativa si intende valorizzare un’importante risorsa del territorio, il legno, che sottoforma di bosco ricopre un’elevata percentuale del suolo della provincia savonese, la quale detiene il primato nazionale per densità boschiva: i boschi rappresentano l’80% del territorio provinciale, con picchi del 95% per certi Comuni. Questa risorsa ha sempre inciso in maniera rilevante sull’economia ligure e in particolare nelle campagne della provincia savonese per questo è necessario tutelare e recuperare tale elemento non solo come patrimonio di tipo ambientale ma anche nella sua connotazione antropica.

Tra gli antichi mestieri che riguardano la lavorazione del legno, praticati nella zona di Pontinvrea soprattutto nel secolo scorso e che si vuole riscoprire durante la giornata di domenica, c’è, ad esempio, il cestaio ossia colui che intrecciava cesti, “corbe”: era un’attività a cui ci si dedicava durante la stagione invernale, quando il maltempo costringeva a rimanere in casa. Venivano intrecciati rami di castagno selvatico passati prima in un forno apposito per l’essiccazione  e poi tagliati a listarelle. Nella provincia di Savona e soprattutto ad Urbe troviamo il segantino il quale lavora il legno per ricavarne tavole, “scandole” (piccole lastre di legno usate come tegole) e assi per rivestire le navi. Un lavoro in cui si deve unire forza e precisione. Ma c’è anche chi lavora il legno a mano per realizzare ciò che serve nella vita quotidiana e quindi partendo dal pezzo di legno dapprima sgrossato con la pialla o con l’accetta, si passa con l’uso di strumenti specifici a “modellare”l’oggetto che diventa un cucchiaio, un forchettone, un manico per zappa o un paio di zoccoli.

“Nel Segno del Legno” è un’iniziativa che intende proporre e riscoprire gli antichi mestieri, l’artigianato tipico legato alla lavorazione del legno per ritrovare le radici della comunità a cui apparteniamo, per far rivivere la cultura popolare, per tracciare una linea di continuità tra passato e presente. Il programma della manifestazione è ricco ed articolato nell’arco di tutta la giornata del 25 Luglio. Sarà allestita una mostra con le opere pervenute al Concorso fotografico “Forme e colori del legno” esposizione di creazioni artistiche, performances di artigiani del settore che lavoreranno il legno direttamente sotto gli occhi del pubblico.
Inoltre si potranno visitare mostre di originalissime opere d’arte: sculture in legno e piccoli oggetti di arredamenti dell’artista Enrico Doglio e quadri costruiti utilizzando diverse forme e tipi di legno dell’artista Enrico Ranuschio. Nel pomeriggio si terrà un convegno tematico centrato sugli aspetti scientifici, tecnici, storici e culturali del legno, con interventi di Furio Ciciliot, Cristiano Figoni, LoRenzo Ciarlone e Angela Cascio. In chiusura della giornata un concerto per chitarre dell’ensemble chitarristico “Quel che resta del giorno”.
La manifestazione promossa dal Comune attraverso gli Assessorati al Turismo e alla Cultura, ha il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, della Regione Liguria, della Provincia di Savona e della Comunità Montana del Giovo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.