Politica

Albenga, Pd: il neo segretario Andreis ha scelto la sua squadra

andreis pd albenga

Albenga. Rilanciare il Pd nel cuore del ponente savonese, ovvero Albenga e tutto il comprensorio. Questa la mission del neo segretario del circolo del partito Democratico ingauno Alessandro Andreis, che ha lanciato il suo programma per far tornare a vincere il Pd. Nel contempo sono stati scelti i nomi che lo affiancheranno nella nuova avventura politica.

In primo luogo il neo segretario cittadino ha voluto ringraziare il coordinatore uscente Renato Lucarelli. che ha saputo traghettare il Pd albenganese in una fase non certo semplice. “Massima collaborazione, più aperto dialogo ma anche capacità di sintesi e di decisione, rinunciando a qualcosa di se e delle proprie identità di partenza” ha detto Andreis.

Secondo punto del neo segretario comunale il ruolo del circolo come palestra politica: “Abbiamo un obbiettivo che va oltre il recupero del  consenso elettorale, ovvero quello di recuperare un rapporto con la società. La sensazione è che siamo troppo arroccati in posizioni di potere e gli iscritti stessi e più ancora i cittadini non ci comprendono; quando si arriva a questo punto dobbiamo saper ritrovare le motivazioni più pure dell’occuparsi della cosa pubblica, quello spirito di servizio, un atteggiamento distaccato dalle posizioni di potere che deve essere strumento e non fine” ha sottolineato Andreis.

“Il Pd albenganese non è riuscito a svolgere il ruolo di coscienza critica e propositiva nei confronti dell’amministrazione e non dovrà ripetere l’errore con il gruppo consigliare di minoranza, con il quale auspico un confronto continuo ed un rapporto che possa mettere in luce la strada tracciata insieme al Coordinatore, alla Segreteria e al Direttivo”.

“Ora il partito deve assumere al più presto la logica della rotazione degli incarichi sulla base di meriti e qualità e non solo sul potenziale consenso elettorale, sistema che garantirebbe la nascita di una nuova classe dirigente e dia tempo ai più giovani di fare piccole esperienze organizzative od amministrative. Un partito che sappia fare tesoro dei suoi dirigenti che hanno avuto grandi esperienze amministrative (per ordine cronologico penso a Tabbò e ai suoi Assessori) perché i giovani e compreso il sottoscritto non abbiano a pensare che la cosa pubblica sia semplice da gestire e da governare”.

“Un partito aperto alle realtà economiche del territorio, alle associazioni sindacali, sportive di volontariato. Dobbiamo valutare i metodi per farlo, ma certo la proposta del segretario provinciale, che immagina le sedi dei circoli al piano terra, mi sento di accoglierla con un certo entusiasmo. Il nostro partito non è un movimento cittadino, non possiamo e non dobbiamo perdere il contatto con i programmi e le indicazioni nazionale, ma altresì dobbiamo saperci calare nella conoscenza del tessuto sociale e saper agire localmente, avere coerenza con il territorio e autonomia politica, a partire dalle future alleanze per sconfiggere l’attuale compagine di maggioranza” ha ribadito Andreis.

Quanto all’opposizione della giunta Guarnieri: “Dobbiamo marcare le differenze nei valori, nell’attaccamento alla città, vista in tutto il suo comprensorio, nello stile in cui proporsi, senza fare sconti o compromessi ad una maggioranza che sentiamo lontana dal nostro modo di vedere il bene di Albenga; noi sapremo agire con proposte da buoni amministratori e non solo fare un’opposizione a prescindere che sarebbe a danno della città”.

Alessandro Andreis ha scelto i nomi della segreteria. “Una segreteria che sintetizzo in tre parole: solida, aperta, innovativa. I ruoli non sono ancora del tutto definiti tranne quelli di due vice segretari che mi affiancheranno negli aspetti gestionali del circolo”. Fanno parte della nuova segretaeria: Emanuela Guerra, Franco Presburgo, Romano Minetto, Raffaele Mittaridonna, Mauro Testa, Paolo Cassani, Donatella Celsi, Massimo Carcheri, Andrea Rovere, Franco Vazio; Vanni Timo e Franco Papalia saranno i vice segretari.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.