Cronaca

Aggressione al fratello, restano in carcere i 2 bengalesi accusati di tentato omicidio

Carcere di Savona

Savona. Sono stati ascoltati dal giudice per le indagini preliminari Barbara Romano, questa mattina, Aj Amin, 21 anni, e Ammed Rasel, 28 anni, i due bengalesi arrestati nella notte di venerdì con l’accusa di tentato omicidio. I giovani hanno infatti aggredito il fratello 27enne, Arif Mohammed, a colpi di catena nel centro di Finalmarina. Il gip ha convalidato entrambi i fermi e ha disposto la custodia cautelare in carcere.

La lite, nella quale il bengalese è rimasto ferito gravemente (è finito in rianimazione al Santa Corona), sarebbe scoppiata per motivi familiari legati, probabilmente, a questioni economiche. I tre fratelli, originari del Bangladesh, tutti e tre regolari sul territorio italiano, abitavano a Finalmarina dove M.A. lavorava come commesso in un “indian shop” in vico Massaferro.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.