Scherma, campionati italiani: Carozzo secondo nella prova a squadre di spada - IVG.it
Sport

Scherma, campionati italiani: Carozzo secondo nella prova a squadre di spada

Scherma

Savona. E’ calato definitivamente ieri il sipario sui 105° campionati italiani Assoluti con l’assegnazione dei titoli a squadre di fioretto femminile, spada maschile e sciabola femminile. Una quattro giorni che ha raccolto a Siracusa i grandi campioni della scherma italiana e mondiale in una kermesse di eventi sportivi e manifestazioni collaterali seguite da un pubblico appassionato e partecipativo.

Nella spada maschile, per la finale a squadre, sono scesi in pedana i Carabinieri e l’Aeronautica Militare. Il savonese Stefano Carozzo faceva parte di questa seconda squadra insieme a Paolo Pizzo, Matteo Tagliariol e Salvatore Viola. I Carabinieri invece si presentavano con Roberto Bertinetti, Diego Confalonieri, Enrico Garozzo e Alfredo Rota.

Il titolo tricolore va al C.S. Carabinieri che inanella così il 15° alloro della sua storia nella spada maschile, chiudendo l’assalto sugli avieri 45-39. Nelle semifinali con un netto 45-33 in entrambi gli assalti il C.S. Aeronautica Militare eliminava le Fiamme Oro (Bino M., Martinelli, Munzone, Tancredi) mentre i Carabinieri superavano la Mangiarotti Milano (Bertolazzi, Garosci, Magro, Rota C.). Terza classificata la formazione delle Fiamme Oro che batte nello scontro valido per l’ultimo gradino del podio la Mangiarotti Milano 45-27. Retrocedono in A2 il Cus Padova, il C.S. Legnano il Cus Pavia.

Nella terza giornata di gare, sabato 26, sulle pedane del PalaLoBello erano salite fiorettiste, spadisti e sciabolatori per la prova individuale.

Stefano Carozzo, nella spada maschile, si è fermato negli ottavi di finale arrendendosi al Carabiniere Diego Confalonieri per 14 a 15. Il savonese non ha avuto fortuna nel sorteggio: si è trovato sulla sua strada l’atleta più in forma ed è stato quello che, più di tutti, è riuscito a metterlo in difficoltà.

Doppio derby catanese per l’aviere Paolo Pizzo che incontra e batte ben due atleti del Cus Catania: prima nei quarti con Matteo Scamarda 15-12 e poi in semifinale Luigi Mazzone 15-11. Nell’altra semifinale un altro derby ma questa volta ad essere opposti sono due carabinieri: Diego Confalonieri ed Alfredo Rota. Ad avere la la meglio lo spadista di Bresso. Accedono alla finale dunque Paolo Pizzo e Diego Confalonieri. Lo spadista siciliano in forza all’Aeronautica Militare cede a Confalonieri che si laurea campione italiano 2010 e campione italiano Militare. Sconfitto nel tabellone degli otto, il campione olimpico di Pechino Matteo Tagliariol, in gara grazie alla wild card, fermato dal compagno di nazionale Rota, poi terzo classificato, per 15 stoccate a 9.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.