Regione, Rambaudi: "No ad indebolimento del welfare" - IVG.it

Regione, Rambaudi: “No ad indebolimento del welfare”

rambaudi

Regione. Proroga di un anno del piano sociale integrato in attesa di conoscere le risorse certe, messa a regime del servizio dei custodi sociali, sostegno alla rete dei coordinatori psicopedagogici degli asili nido per un lavoro comune di monitoraggio sul territorio e approfondimento del ruolo dei distretti in relazione alle politiche giovanili e agli interventi di contrasto alla violenza alle donne. Sono queste le proposte emerse al termine degli incontri tra l’assessore regionale alle politiche sociali, Lorena Rambaudi e i 19 distretti sociosanitari della Liguria.

Due mesi di faccia a faccia con tutti i sindaci, gli assessori del territorio, i gruppi tecnici, le rappresentanze delle aziende sanitarie e del terzo settore  per consolidare la rete istituzionale in un momento di crisi economica e avere risposte precise dal Governo in tema di risorse.

“Dai servizi sociali – ha spiegato l’assessore Rambaudi – sono emersi due forti elementi di criticità: quello dei minori inseriti in strutture per obbligo del tribunale che comportano una spesa di 90 euro al giorno in media a bambino, una cifra che rischia di far saltare il bilancio dei piccoli Comuni e quello della povertà e dei senza fissa dimora che solo a Genova ammontano a 2.000 persone. Temi a cui si aggiunge la richiesta di mantenere il sostegno alla non autosufficienza e alla disabilità”.

“I distretti hanno manifestato – ha concluso Rambaudi – una grande condivisione verso il metodo della partecipazione e la richiesta di rafforzare il sistema di welfare in un momento come questo di grave crisi economica invece che indebolirlo”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.