Parco dell'Adelasia, l'Unione Segugi chiede garanzie per l'attività venatoria - IVG.it

Parco dell’Adelasia, l’Unione Segugi chiede garanzie per l’attività venatoria

cane - raduno nazionale razze da seguita

Savona. L’Unione segugisti savonesi, a margine della presentazione del raduno nazionale di Cosseria, sono intervenuti sull’attuale tema dell’attività venatoria in Provincia di Savona con diretto riferimento al piano che Provincia e Regione Liguria stanno mettendo a punto per la caccia selettiva nel Parco dell’Adelasia a Cairo Montenotte. La loro è una delle associazioni convocate al tavolo istituito tra istituzioni locali e associazioni territoriali coinvolte: “Anche il raduno vuole lanciare un messaggio, in particolare per i nostro segugi, da sempre utilizzati per la caccia al cinghiale e per quella alla lepre, ovvero che la nostra attività è l’unica in grado di prevervare e tutelare il territorio garantendo il giusto equilibrio faunistico e ambientale, attenti ad ogni sentiero e percorso boschivo, come abbiamo sempre fatto anche per l’Adelasia” affermano congiuntamente il presidente e segretario dell’Unione Segugisti savonesi Marino Ferraro e Giovanni Gaino.

“Per l’Adelasia il problema degli ungulati esiste e bisognerà affrontarlo. La discussione sulla regolamentazione dell’attività venatoria è in atto e vedremo gli sviluppi. Speriamo che non ci siano eccessive limitazione ad una attività che ha sempre agito nella tutela di quel territorio” concludono.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.