IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga: un “eco-saggio” di fine anno alle scuole Paccini

Albenga. La scuola primaria “T. Paccini” di Albenga raccogliendo le istanze e le sfide ambientali del nostro secolo si è impegnata, attraverso un saggio di fine anno, a diffondere la cultura dell’acqua e lo sviluppo sostenibile.

“Il lavoro del docente – si legge in una nota del Secondo Circolo Didattico di Albenga – è stato quello di educare la persona, essere unico e irripetibile, alla cittadinanza e all’ambiente. Come ricorda l’ex Ministro dell’Istruzione Fioroni, ogni bambino ha la necessità di essere educato, ha bisogno di essere aiutato a scoprire il valore di se stesso, delle cose e della realtà che lo circonda. In questo contesto gli insegnanti, attraverso varie attività didattiche mirate alla cooperazione, hanno sviluppato nell’alunno un’etica responsabile declinando le sue scelte e il suo agire in modo consapevole: decisioni e scelte che influiscono sulla qualità della vita propria vita e quella altrui”.

“La sfida posta dagli insegnanti – si legge ancora – non è stata solo quella di sviluppare conoscenze dei problemi ambientali, ma promuovere atteggiamenti e comportamenti consapevoli e responsabili, mediante una educazione della coscienza e sviluppando nel bambino un pensiero critico, deduttivo e complesso che permetta il confronto e la riflessione sulle cose della vita: capacità fondamentali anche nella vita quotidiana e che andranno ad ampliare il bagaglio culturale dell’alunno. In questa prospettiva l’educazione è sempre formazione e non è mai mera informazione. Oltre al coinvolgimento dell’intera equipe docenti, essenziale e indispensabile è stato l’apporto delle collaboratrici scolastiche e di alcune mamme che, grazie alla loro disponibilità, hanno reso possibile l’allestimento dello spettacolo”.

Il saggio avrà luogo nel retro del plesso Paccini giovedì 10 giugno 2010 alle ore 21 e vedrà coinvolte 14 classi per un totale di 275 bambini i quali si alterneranno con canti, balli e recite invitando all’uso razionale e controllato della risorsa acqua. “Non sempre è facile sensibilizzare i bambini a scuola quando a casa gli esempi e le abitudini sono di altro genere – fanno sapere dal Secondo Circolo Diadttico ingauno -. Ma, come ricorda Leon Festinger, generando in loro le dissonanze cognitive, cioè ragionando, argomentando e problematizzando i comportamenti e le relative conseguenze ambientali, si può innescare un nuovo ‘circolo virtuoso’ contrario al primo: i genitori sono spesso disponibili ad accogliere i suggerimenti dei piccoli. I bambini che si abituano a separare i rifiuti, a non sprecare l’acqua tramite percorsi adeguati, riusciranno a capirne le ragioni profonde e porteranno con sé queste abitudini durante tutto l’arco della loro vita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.